Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Diritti connessi al diritto d'autore. SCF si trasforma da società consortile in srl

Come affermato sul sito web, SCF è la società che, in Italia, gestisce la raccolta e la distribuzione dei compensi, dovuti ad artisti e produttori discografici, per l’utilizzo in pubblico di musica registrata.
A partire dal 24/01/2017, la Società Consortile Fonografici (SCF) cessa di essere una società consortile e diventa una società a responsabilità limitata (così generando una curiosa contraddizione tra la denominazione estesa e la natura giuridica). La trasformazione societaria, comunicata a chi intrattiene un rapporto commerciale con l'ente, determina quindi la fine del rapporto consortile tra i soci e da inizio ad un’attività commerciale autonoma ed interamente lucrativa da parte dell’ente. All’interno della comunicazione inviata ai clienti e fornitori della ex società consortile, viene fatto presente che la trasformazione fa salva la continuità dei rapporti giuridici, nel senso che l’ente trasformato conserva i diritti e gli obblighi e prosegue in tutti i rapporti dell’ente che ha effettuato la trasformazione. In altri termini, non occorre una rinnovazione dei contratti per proseguire i rapporti definiti in precedenza. (F.M per NL)

25/01/2017 12:35
 
NOTIZIE CORRELATE
Mercoledì 8 marzo, si è tenuto presso la sede di Confindustria Radio Televisioni (CRTV), un ulteriore incontro con una delegazione della SCF e i rappresentanti dell’Associazione Radio FRT e di Aeranti-Corallo, avente per oggetto il rinnovo della convenzione per i diritti connessi.
L’Unione Europea, vuole estendere la tutela dei diritti connessi all’editoria digitale per tutelarne la situazione economica: una misura che rischia seriamente di trasformarsi in una clamorosa spallata sia all’accesso d’informazioni per l’utenza che ai piccoli editori.
Oltre all’aspetto primario di utilizzo musicale, ci sono altri aspetti che derivano dallo streaming e dall’utilizzo di tale servizio. Anzitutto la platea che si apre agli autori che si avvalgono anche dei servizi in streaming per la diffusione delle loro creazioni è quella degli internauti e quindi potenzialmente l’intero mondo di Internet.
La SIAE accoglie la richiesta del presidente dell’Associazione Internet Media - ing.
Il neo-insediato Consiglio dei Ministri ha approvato ieri, 14 dicembre, in esame preliminare, cinque decreti legislativi, fra cui l'attuazione della direttiva 2014/26/UE (cosiddetta) sulla gestione collettiva dei diritti d’autore e dei diritti connessi e sulla concessione di licenze multi-territoriali per i diritti su opere musicali per l’uso online nel mercato interno.