Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Diritti connessi, guerra SCF/Radio. Altri artisti rilasciano la liberatoria per superare l'embargo radfionico
"Vita" il nuovo singolo di Gigi D'Alessio che anticipa l'album "Semplicemente sei", in uscita l'8 giugno, da oggi è in alta rotazione sulle emittenti del Circuito de "Le 100 Radio" e su alcune centinaia di altre radio locali italiane.
L'etichetta discografica dell'artista, e lo stesso artista, hanno rilasciato ampia liberatoria sollevando le emittenti dai "diritti connessi". "E' la dimostrazione che le radio e gli artisti sono dalla stessa parte, dalla parte della musica. - ha dichiarato Gino Conte coordinatore delle emittenti aderenti al circuito - E' di tutta evidenza quindi che a mortificarla non sono certamente le radio bensì altri soggetti che con la loro miopia e la loro avidità di danaro sono pronte a violare leggi scritte e non scritte". "Anche altri artisti stanno seguendo la strada di Dalla e De Gregori prima e di D'Alessio poi nel rinunciare ad un diritto oggi più che mai non ha motivo di essere, e probabilmente non lo hanno mai avuto, e che danneggia esclusivamente la musica e con essa gli artisti ed i musicisti", fa sapere il circuito.
01/06/2010 12:28
 
NOTIZIE CORRELATE
Mercoledì 8 marzo, si è tenuto presso la sede di Confindustria Radio Televisioni (CRTV), un ulteriore incontro con una delegazione della SCF e i rappresentanti dell’Associazione Radio FRT e di Aeranti-Corallo, avente per oggetto il rinnovo della convenzione per i diritti connessi.
L’Unione Europea, vuole estendere la tutela dei diritti connessi all’editoria digitale per tutelarne la situazione economica: una misura che rischia seriamente di trasformarsi in una clamorosa spallata sia all’accesso d’informazioni per l’utenza che ai piccoli editori.
Oltre all’aspetto primario di utilizzo musicale, ci sono altri aspetti che derivano dallo streaming e dall’utilizzo di tale servizio. Anzitutto la platea che si apre agli autori che si avvalgono anche dei servizi in streaming per la diffusione delle loro creazioni è quella degli internauti e quindi potenzialmente l’intero mondo di Internet.
La SIAE accoglie la richiesta del presidente dell’Associazione Internet Media - ing.
Come affermato sul sito web, SCF è la società che, in Italia, gestisce la raccolta e la distribuzione dei compensi, dovuti ad artisti e produttori discografici, per l’utilizzo in pubblico di musica registrata.