Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Diritto oblio: 70mila richieste di cancellazione a Google da tutta Europa. Polemiche in GB
 
Quello che è definito diritto all'oblio per gli utenti internet rischia di trasformarsi in una sorta di censura. Alcuni fra i maggiori media britannici, dalla Bbc al Guardian, hanno denunciato casi di rimozione di link a loro articoli da parte del motore di ricerca che, sempre dopo previo avvertimento, ha così applicato la recente sentenza di una Corte Ue sulla libertà di essere dimenticati.
Il caso più eclatante è quello di un noto giornalista della Bbc, Robert Peston, che ha accusato il colosso di Cupertino di "uccidere il giornalismo" dopo l'eliminazione di un suo post risalente all'ottobre 2007 in cui criticava il banchiere di Wall Street, Stanley ÒNeal. La polemica che ne è scaturita ha avuto l'effetto contrario rispetto al diritto all'oblio. L'articolo sotto accusa infatti è rimbalzato centinaia di volte sui social network per il clamore che la vicenda ha provocato. Sono stati scritti più di 300 commenti e fra questi molti che criticavano l'applicazione del nuovo diritto quando questo va contro il diritto all'informazione. Non è ancora chiaro chi abbia chiesto la rimozione del post. Nell'articolo, poi, non venivano mosse particolari accuse a ÒNeal. Si parla, infatti, all'inizio della crisi finanziaria globale nel 2007, delle sue dimissioni dal ruolo di amministratore delegato nel colosso Usa Merryl Lynch. E più che altro vengono criticati i veterani della banca che avrebbero scaricato le loro responsabilità su di lui. Ma sono stati segnalati altri casi da parte dei media britannici. Il Guardian ha ricevuto sulla propria posta elettronica una notifica automatica secondo cui sei articoli del giornale online erano stati eliminati dai risultati delle ricerche. Tre di questi, datati 2010, riguardano un arbitro della Scottish Premier League ora in pensione, Dougie McDonald, costretto alle dimissioni dopo aver mentito sulle ragioni per cui aveva concesso un rigore. Il Guardian sottolinea che non dispone di nessun modo per opporsi alla decisione di Google. Altri casi simili hanno riguardato il Mail Online, che ha ricevuto notifiche sempre su articoli riguardanti l'ex arbitro. Ma anche altri articoli sono finiti nel mirino di questa sorta di censura, come quello su una coppia 'pizzicatà a far sesso in treno. Intanto emerge che sono 70mila, secondo quanto risulta all'ANSA, le richieste di rimozione di link arrivate a Google da tutta Europa tra il 29 maggio e il 30 giugno, dopo la sentenza della Corte Ue che riconosce il diritto all'oblio in rete degli utenti. Dall'Italia le richieste sono state circa 6mila. Il maggior maggior numero di richieste di rimozione di link arriva da 5 Paesi: Francia, Germania, Regno Unito, Spagna e Italia. Pochi giorni dopo la sentenza della Corte Ue del 13 maggio scorso, Google ha messo a disposizione degli utenti un modulo da compilare online per inoltrare le richieste di rimozione di link giudicati "inadeguati o irrilevanti". In Italia, per la precisione, le richieste giunte al colosso californiano tra il 29 maggio e il 30 giugno sono state 5.934, mentre dalla Francia, il paese che ha inoltrato il maggior numero di richieste, ne sono arrivate 14.086. Solo il primo giorno a Google erano arrivate complessivamente 12mila richieste, poi la media si è assestata su circa mille al giorno. (ANSA)
 
04/07/2014 07:48
 
NOTIZIE CORRELATE
YouTube si è lanciata nel mondo dello streaming tv a pagamento (SVOD) e sembra intenzionata a fare le scarpe alle concorrenti, Netflix e Direct tv su tutte.
Google non usa mezzi termini, soprattutto quando si tratta di tutelare la sua immagine dall’essere associati con le bufale online e, proprio per questo è arrivata, recentemente, la prima batosta al mondo delle fake news made in Italy; la compagnia di Mountain View, infatti, ha recentemente privato il noto blog complottista Byoblu, a cura di Claudio Messora, della possibilità di monetizzare i suoi contenuti con i banner di AdSense.
La pubblicità digitale è quasi totalmente in mano a Google e Facebook che costituiscono una sorta di duopolio in questo fiorente settore.
Attraverso un post sul blog aziendale firmato da Kent Walker, vice presidente di Google, l’azienda di Mountain View risponde alla Commissione UE: per loro non c’è alcun abuso di posizione dominante.
Dopo Google, anche Apple lancia la sua idea per innovare il piccolo schermo: si chiama "Tv", un’applicazione che, come il set top box di Mountain View, mira a creare, come dice il ceo Tim Cook (foto), “un unico posto in cui accedere a tutti i vostri show tv e ai film”.