Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Dividendo esterno digitale: presentate 5 domande per frequenze 4G. Il 29/07 il riscontro sulle ammissioni e un mese dopo le offerte economiche

Attenzione: per visualizzare la notizia è necessario abbonarsi al S.I.T. di Consultmedia.

Per informazioni sulle modalità di abbonamento clicca qui.

28/07/2011 09:18
 
NOTIZIE CORRELATE
Come si evolve la società e l’economia nell’era digitale? Questa la domanda fondamentale cui cerca di rispondere il Digital economy and society index (Desi) pubblicato dalla Commissione Europea.
L’Italia è ultima in termini di evoluzione digitale della propria economia: lo dice il rapporto Digital Economy Society Index, presentato recentemente a Bruxelles.
Gli Stati Uniti hanno ultimato l’asta per la cessione delle frequenze nella banda 600 MHz dagli operatori televisivi alle telco: il guadagno è stato praticamente un quarto rispetto alle previsioni ma l’asta dà il via allo sviluppo del 5G.
Con l’ufficializzazione della tabella di marcia per la liberazione della banda 700 MHz, che gli operatori televisivi dovranno cedere alle telco in vista delle connessioni 5g diventa attuale la problematica relativa alla nuova collocazione dei mux televisivi, ancora lontana dall’essere risolta.
Tempi certi, ma solo per finta: così si può riassumere la relazione approvata dalla commissione industria del parlamento europeo e redatta dalla vicepresidente Patrizia Toia e che, sostanzialmente, chiede la possibilità di ritardare le tempistiche previste dall’Unione per la cessione delle frequenze della banda 700 MHz dalle televisioni alle telco.