Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
DTT: a un anno e mezzo dallo switch-off nel Piemonte occidentale e a cinque mesi da quello orientale regna il caos. RAI oscurata in mezza regione
''I problemi causati dal passaggio al digitale in Piemonte ormai sono diventati giganteschi e devastanti. I disservizi, soprattutto dopo il passaggio al digitale del Piemonte orientale, sono ormai gravi e intere citta' e paesi, e non solo montani, sono da giorni addirittura privi del segnale Rai''.
''I problemi causati dal passaggio al digitale in Piemonte ormai sono diventati giganteschi e devastanti. I disservizi, soprattutto dopo il passaggio al digitale del Piemonte orientale, sono ormai gravi e intere citta' e paesi, e non solo montani, sono da giorni addirittura privi del segnale Rai''.
''I problemi causati dal passaggio al digitale in Piemonte ormai sono diventati giganteschi e devastanti. I disservizi, soprattutto dopo il passaggio al digitale del Piemonte orientale, sono ormai gravi e intere citta' e paesi, e non solo montani, sono da giorni addirittura privi del segnale Rai''.
Lo sottolinea, in una nota, il vicepresidente della Commissione di Vigilanza Rai, Giorgio Merlo, che ha presentato un'interrogazione urgente al ministro Paolo Romani per chiedere un intervento urgente ''per sanare un disservizio che ha ricadute pesanti per i cittadini utenti, che penalizza intere comunita' piemontesi e che mortifica la stessa trasparenza e serieta' del servizio pubblico''. ''Malgrado le rassicurazioni della Rai, del Ministro Romani e degli organismi competenti, decine di migliaia di cittadini piemontesi si vedono privati di un diritto, soprattutto dopo aver gia' pagato il canone - aggiunge Merlo - un contesto insostenibile, dunque, che adesso richiede interventi immediati e urgenti. Associazioni di settore e di cittadini organizzati stanno preparando esposti alle autorita' competenti contro una situazione incredibile che penalizza i cittadini utenti e riduce pesantemente la credibilita' della Rai, a cominciare dalla scomparsa del Tg regionale e della programmazione di tutti i canali Rai''. (Adnkronos)
21/02/2011 18:05
 
NOTIZIE CORRELATE
“Siamo delusi dall’intervento del Direttore Generale in Commissione Parlamentare di Vigilanza sul tema della Convezione di Servizio Pubblico. Ci saremmo aspettati un intervento con dati alla mano: entrate 2016, previsione entrate 2017 e 2018 e relativo progetto industriale”.
Intrattenimento in day time e talk show incentrati su casi di cronaca? Il direttore generare Rai Antonio Campo Dall’Orto potrebbe dire “Non parliamone più”, parafrasando il titolo della trasmissione di Rai Uno (Parliamone sabato) recentemente chiusa per le polemiche su uno dei suoi approfondimenti.
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Seguendo un trend ormai consolidato che vede l'integrazione delle piattaforme distributive dei contenuti radiofonici anche sui device tv (smart e DTT) in considerazione che la maggioranza degli utenti non dispone più di apparati riceventi FM casalinghi (sicché la fruizione domestica del medium può avere luogo solo attraverso tv, pc o smartphone), Radio Sportiva sbarca sul digitale televisivo terrestre.
“Il ministero dello Sviluppo Economico assegna alla concessionaria la capacità trasmissiva necessaria”: questo è quanto si legge, secondo Repubblica, all’articolo 7 della bozza di provvedimento in studio al Consiglio dei Ministri per la concessione del servizio pubblico alla RAI.