Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
DTT: Agcom verso l’assenso alle richieste delle tv locali? Da UE atteso ok per destinazione canali 61-69 UHF
Mentre è attesa la decisione dell'Agcom sulla richiesta delle tv locali di ripristinare l'elenco previgente dei canali riservati dal Piano delle Frequenze agli operatori di rete nazionali (attuali e nuovi entranti), giunge notizia che questa settimana l'UE si potrebbe esprimere su una data coordinata di destinazione dei canali dal 61 al 69 UHF per il potenziamento di internet wireless.
La notizia non è di poco conto, perché, se da una parte Agcom potrebbe anche dare il proprio assenso alle richieste delle tv minori, la cui protesta aveva portato all'interruzione dei tavoli tecnici di martedì scorso (secondo alcuni rumors una decisione in tal senso potrebbe essere già stata assunta nel consiglio dell'Autorità del 9 settembre), la destinazione a breve (si parla del 1° gennaio 2013) di importanti risorse radioelettriche allo sviluppo di nuovi servizi attraverso la banda larga in mobilità che possano raggiungerà la quasi totalità dell'utenza, allarma le televisioni dell'area tecnica 3 (Lombardia e Piemonte orientale), che temono una forzata condivisione delle poche frequenze disponibili con la conseguente riproposizione di quegli stati interferenziali che si pensava di mettere alle spalle con l'abbandono dell'analogico. E invece, se davvero si vorrà accontentare tutti, il riutilizzo (attraverso soluzioni k-SFN o MFN) della medesima frequenza su bacini (interprovinciali, provinciali e subprovinciali) sarà inevitabile. La tv 2.0 potrebbe così essere alle prese con esigenze di "compatibilizzazione", "razionalizzazione" e "ottimizzazione" (concetti tecnico-giuridici inconcepibili all'estero) già dal giorno dopo lo switch-off. Intanto non si placa la polemica intorno all'impiego, su autorizzazione del Ministero dello Sviluppo Economico, del canale UHF 58 (la migliore risorsa del dividendo digitale da assegnarsi con il beauty contest le cui regole sono state esaminate la scorsa settimana da Agcom) nelle aree già digitalizzate per la sperimentazione dell'HD di Mediaset. Così il segretario del PD Pier Luigi Bersani alla festa democratica di Torino: "Il governo rinunci all’ossessione del controllo sull’universo televisivo. Si mettano immeditamente in gara le frequenze liberate dal digitale terrestre e incassiamo un po’ di quei miliardi e investiamo dei soldi subito sulla conoscenza e sul sapere”. (A.M. per NL)
13/09/2010 19:53
 
NOTIZIE CORRELATE
Agcom diffida Wind e Tre (recentemente fusesi in un’unica società) dal consentire agli utenti l’utilizzo di due servizi streaming di proprietà senza consumare il traffico dati previsto dal piano di abbonamento.
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Seguendo un trend ormai consolidato che vede l'integrazione delle piattaforme distributive dei contenuti radiofonici anche sui device tv (smart e DTT) in considerazione che la maggioranza degli utenti non dispone più di apparati riceventi FM casalinghi (sicché la fruizione domestica del medium può avere luogo solo attraverso tv, pc o smartphone), Radio Sportiva sbarca sul digitale televisivo terrestre.
Ai fini del versamento del contributo dovuto all’Autorità per l’anno 2017 attraverso la delibera in titolo adottati i seguenti documenti, che costituiscono parte integrante e sostanziale della delibera in parola: a) modello telematico “Contributo SCM – anno 2017”, di cui all’art. 4, comma 1, della delibera n. 463/16/CONS (allegato A alla delibera in oggetto); b) “Istruzioni per il versamento del contributo dovuto all’Autorità per l’anno 2017 dai soggetti che operano nel settore delle comunicazioni elettroniche e dei servizi media” (allegato B alla delibera in oggetto).
Sony approda sulla tv italiana free to air: è recente l’annuncio, infatti, del raggiungimento di un accordo con la TBS di Costantino Federico per la cessione degli lcn 45 e 55, qui quali probabilmente andranno Axn ed Axn Sci-Fi.