Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
DTT: avvio di nuovi marchi/palinsesti pena la revoca dell’assegnazione del LCN. Alla ricerca di contenuti
A breve scadrà il termine che il Ministero dello Sviluppo Economico Comunicazioni ha concesso ai fornitori di servizi di media audiovisivi sul digitale terrestre per avviare i marchi/palinsesti non ancora diffusi, risultati assegnatari della numerazione automatica (LCN).
Le prime assegnazioni dei LCN, riguardanti la Regione Piemonte, sono infatti state notificate poco dopo la metà di novembre e, dunque, entro circa 10 giorni i fornitori di servizi di media audiovisivi, ivi operanti, dovranno diffondere i loro programmi, se non vogliono rischiare la sospensione dell’autorizzazione a trasmettere e dell'attribuzione della numerazione concessa. Come noto, le determine di assegnazione dei LCN (sia quelle relative al Piemonte, che quelle riguardanti le altre regioni digitalizzate) riportano un articolo che espressamente recita “Nel caso in cui il marchio palinsesto non sia ancora diffuso, la presente autorizzazione ha validità tre mesi dalla data di notifica del presente provvedimento. Decorso tale periodo la mancata diffusione comporterà l’applicazione delle sanzioni di cui all’art. 11 comma 8 dell’Allegato A alla delibera n. 366/10/Cons”. Tale disposizione prevede, in particolare, che nell’ipotesi di violazione della predetta delibera o delle ulteriori condizioni di utilizzo del numero assegnato, il Ministero dispone la sospensione dell'autorizzazione a trasmettere e dell’utilizzazione del numero assegnato per un periodo fino a due anni, precisando che la sospensione viene adottata “qualora il soggetto interessato, dopo aver ricevuto comunicazione dell'avvio del procedimento ed essere stato invitato a regolarizzare la propria posizione, non vi provveda entro il termine di sette giorni”. Conseguentemente, il problema principale che si trovano oggi ad affrontare i fornitori di servizi di media audiovisivi sul DTT è quello di “riempire di contenuti le loro autorizzazioni”, problema questo che interessa soprattutto i soggetti che hanno ottenuto i LCN addirittura per 6 marchi/palinsesti. In questa fase, dunque, dove i contenuti diventano veramente protagonisti, si evidenziano maggiormente le difficoltà di una transizione al digitale che trova fondamentalmente impreparati gli editori, molti dei quali ancora legati alla mentalità di trasmettere programmi utili e funzionali all’ottenimento di benefici ed agevolazioni statali. La moltiplicazione dei programmi e dei palinsesti, conseguenza dell’innovazione tecnologica, esige invece che gli ex concessionari televisivi comincino veramente ad investire in contenuti, non potendo soltanto confezionare “in casa” più palinsesti. Se alcuni, non riuscendo a gestire troppe programmazioni, optano per la cessione delle autorizzazioni relative a marchi/palinsesti “in esubero”, altri dovranno necessariamente porsi alla ricerca di contenuti da diffondere, sviluppando nuove collaborazioni editoriali che possano portare alla diffusione di programmi anche migliori. Ed è forse proprio questo che il pubblico si attende: l’innovazione apportata dal sistema digitale non dovrebbe infatti solo significare miglioramento della qualità trasmissiva, ma dovrebbe coincidere anche con una nuova e arricchita offerta contenutistica. Fare zapping tra una miriade di nuovi programmi digitali, per lo più uguali ai precedenti analogici, infastidisce un pubblico incapace di comprendere quali vantaggi ha determinato il cambiamento. Se le risorse da investire in contenuti mancano, i fornitori di servizi di media audiovisivi sul DTT, specie quelli di piccole dimensioni, potrebbero cominciare col collaborare, a bassi costi, con realtà editoriali come le web tv. Queste rappresentano infatti un universo ancora poco conosciuto ed apprezzato ma in continuo fermento, perché voglioso di raccontare ed informare ed in molti casi caratterizzato da produzioni interessanti e di buona qualità. (D.A. per NL)
07/02/2011 19:02
 

Soluzione all'italiana

Direi che riempire un mux per una tv locale o nazionale non dovrebbe essere un grosso problema. La situazione tipo potrebbe essere quella di una rete ammiraglia con i programmi di punta, una sua versione trasposta di un'ora e un'altra di 24 ore (come fanno le nazionali Mediaset+1 o i canali per bambini tipo Raigulp o K2 che ripetono più volte gli stessi episodi durante la giornata, riproponendo magari quelli del giorno prima). A questa rete editorialmente "seria" si può poi affiancare un canale di notizie locali da studio (sulla falsariga delle nazionali Repubblica tv o tg Mediaset), musica e videoclip, ovviamente televendite (fino a 16 ore al dì si resta una tv generalista), ripetere TV 2000 e per chi può fare un bel canale HD che riempe un sacco di banda con gli stessi programmi della rete ammiraglia.
Ricapitolando:
Rai 1
Rai 1 +1
Rai 1 + 24 (o rai Premium con le repliche)
Rai 1 HD
Rai tg24 (16 ore di televendite con 8 di repliche tg e approfondimenti da studio)
Rai musica insieme (16 ore di televendite sulla falsariga di Canale Italia)
Rai 2 (altre 16 ore di televendite con 8 ore di ripetizione tv 2000 e altri network)
Sostituite a RAI il nome di una qualsiasi tv locale e vedrete che prendendo spunto dalle reti nazionali ogni locale potrà avere i suoi 7 e più palinsesti al costo di uno, senza neppure il bisogno di ospitare nuovi operatori. In caso di 2 o più mux da riempire a tutto ciò si potrebbero aggiungere canali pay locali, che essendo servizi interattivi non dovrebbero poi rispettare grandi vincoli di programmazione: un cartello fisso che indica l'orario di trasmissione della partita tra il Poggibonsi e Borgotrecase per tutta la settimana, incontro codificato in viaccess 0.0 visibile a tutti i possessori di tessera "Local vision" e decoder specifico (stile Europa7 HD) alla modica cifra di 100 euro. Questo per dire che i primi a sprecare banda (ed LCN) sono le tv nazionali. Gli altri si adegueranno. Non capisco ad esempio perchè un Canale 5 (LCN 5) non possa attivare una semplice interattività per cui premendo il tasto blu si passa a Canale 5+1, mentre col tasto verde si può seguire lo stesso programma in HD. Forse perchè dell'interattività non gliene frega più nulla a nessuno, e gli incentivi per i decoder interattivi avevano tutt'altra finalità...

Bruno

NOTIZIE CORRELATE
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Nei processi, siano essi civili, penali o amministrativi, è spesso richiesto l’intervento di parti terze rispetto ai litiganti, utili a coadiuvare i giudici in diverse fasi del giudizio, come nel caso del Commissario ad acta, un funzionario pubblico nominato dal giudice amministrativo nell'ambito del giudizio di ottemperanza a cui viene conferito il compito di emanare i provvedimenti che avrebbe dovuto emettere un ente, che però si è rivelato inadempiente.
Seguendo un trend ormai consolidato che vede l'integrazione delle piattaforme distributive dei contenuti radiofonici anche sui device tv (smart e DTT) in considerazione che la maggioranza degli utenti non dispone più di apparati riceventi FM casalinghi (sicché la fruizione domestica del medium può avere luogo solo attraverso tv, pc o smartphone), Radio Sportiva sbarca sul digitale televisivo terrestre.
Sony approda sulla tv italiana free to air: è recente l’annuncio, infatti, del raggiungimento di un accordo con la TBS di Costantino Federico per la cessione degli lcn 45 e 55, qui quali probabilmente andranno Axn ed Axn Sci-Fi.
Secondo quanto riportato dal Sole24ore, Viacom Networks sarebbe intenzionata a riportare Mtv sul digitale terrestre. Il canale prescelto dovrebbe essere il numero 49, ora di proprietà del gruppo americano Scripps Networks, il quale intenderebbe spostare il proprio business sul LCN 33 (rilevato la scorsa estate dalla sfortunata Agon Channel).