Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
DTT, beauty contest. MF: polpetta avvelenata per RAI e Mediaset in arrivo da Bruxelles
La trasformazione de La7 da Cenerentola dell'etere a preda ghiotta per gli editori che vogliono diversificare la loro attivita' (ma sara' poi vero?), ha riportato d'attualita' - anche in borsa, dove T.I. Media cui fanno capo le attivita' televisive di Telecom I. - un tema bollente: lo scontro tra i grandi tycoon italiani per il controllo della televisione digitale del futuro.
Bruxelles pungola Roma, scrive Milano Finanza. Lo scorso anno si era chiuso con la proroga del divieto di incrocio tra stampa e tv e il via libera Ue a Sky sul digitale terrestre; oggi, alle porte dell'estate, sono sempre piu' aggrovigliati i due nodi che il governo del Cavaliere dovra' sciogliere quanto prima. Si tratta della procedura di assegnazione gratuita tramite beauty contest di cinque multiplex di frequenze digitali televisive e della vendita di altri megahertz agli operatori telefonici, che dovrebbe portare 2,4 miliardi nelle casse dello Stato. Se quest'ultima e' sempre piu' in forse, stante la perdurante occupazione dei canali da parte delle televisioni locali che hanno spinto Telecom I. & C a minacciare Palazzo Chigi di disertare in massa l'operazione, quella della concessione gratuita di canali e' finita su un binario morto. Complice Bruxelles. Secondo quanto ha potuto verificare MF-Milano Finanza, la Commissione Europea, che deve esaminare il disciplinare di gara redatto dagli uffici del ministro dello Sviluppo, Paolo Romani, sta preparando in silenzio una polpetta avvelenata per Mediaset e Rai. Gli uomini di Joaquin Almunia, lo spagnolo titolare del gabinetto per la concorrenza europea, hanno infatti chiesto all'Italia di specificare nei bandi di gara per le frequenze digitali la tipologia delle medesime. (MF Dow Jones)
14/06/2011 06:01
 
NOTIZIE CORRELATE
“Siamo delusi dall’intervento del Direttore Generale in Commissione Parlamentare di Vigilanza sul tema della Convezione di Servizio Pubblico. Ci saremmo aspettati un intervento con dati alla mano: entrate 2016, previsione entrate 2017 e 2018 e relativo progetto industriale”.
Intrattenimento in day time e talk show incentrati su casi di cronaca? Il direttore generare Rai Antonio Campo Dall’Orto potrebbe dire “Non parliamone più”, parafrasando il titolo della trasmissione di Rai Uno (Parliamone sabato) recentemente chiusa per le polemiche su uno dei suoi approfondimenti.
Lo scorso 15 Marzo, durante la Conferenza stampa di Radiomediaset, il Ceo Paolo Salvaderi ha illustrato i risultati operativi del gruppo, mentre Pier Silvio Berlusconi – alla conclusione dell’incontro con i giornalisti - ha offerto spunti collaterali sulle vicende Mediaset: il contenzioso con Vivendi, l’acquisto del logical channel number 20 (argomenti già approfonditi in precedenti articoli), l’intoppo nei rapporti col giornalista Giuseppe Cruciani e l’affare Ei towers-RaiWay.
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Si è svolta oggi nella hall del palazzo di Largo Donegani 1 la conferenza stampa di RadioMediaset in cui sono stati presentati i risultati ottenuti nell’ultimo anno di attività del polo che comprende le emittenti di proprietà Radio 105, Virgin Radio (entrambe ex Finelco), R101 e la partnership con Radio Monte Carlo (che rimane di proprietà della famiglia Hazan, precedente editore delle radio Finelco).