Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
DTT. Bernabé (Telecom Italia): urge razionalizzazione frequenze tv locali per rendere disponibile dividendo esterno (61/69)
"E' urgente una celere razionalizzazione dell'uso dello spettro radioelettrico da parte degli emittenti locali, in modo da garantire agli operatori mobili la certezza giuridica di acquisire, nei tempi piu' brevi, l'effettiva disponibilita' della banda di frequenza a 800 MHz che sara' oggetto di gara".
Lo ha detto nel corso di un'audizione presso la commissione lavori pubblici del Senato l'a.d. di Telecom Italia, Franco Bernabe', sottolineando come "in mancanza di queste certezze potrebbe risultare difficilmente conseguibile l'obiettivo posto dalla legge di stabilita' circa le entrate conseguenti alla gara (2,4 mld entro settembre 2011)". Bernabe' ha ricordato che il piano Telecom Italia prevede come obiettivi la copertura dell'87,1% della popolazione a 14,4 Mbit/s entro il 2013; l'avvio del servizio di connettivita' di terza generazione (Umts/Hsdpa) a 42 Mbit/s; la sperimentazione della tecnologia di quarta generazione (Lte) che consentira' connessioni a 100 Mbit/s dal 2013. "La rilevante crescita del traffico sulla nostra rete mobile - ha spiegato l'a.d. - e' gestita con le piu' avanzate tecniche di monitoraggio e di previsione, oltre che con continui investimenti in ampliamenti della capacita' che traguardano l'introduzione della tecnologia di quarta generazione, basata sulle frequenze rese disponibili dal cosiddetto dividendo digitale esterno". (MF Dow Jones)
 
08/04/2011 05:18
 
NOTIZIE CORRELATE
Il Consiglio dei Ministri, riunitosi in data odierna, 24/03/2017, ha approvato, in esame preliminare, il nuovo Regolamento ai sensi della Legge 28/12/2015, n. 208 (legge di stabilità 2016) per la disciplina relativa ai contributi pubblici a sostegno delle emittenti televisive e radiofoniche locali.
Il Ministero dello Sviluppo Economico sta inviando  ai titolari delle autorizzazioni per la fornitura di servizi di media audiovisivi per la diffusione in tecnica digitale su frequenze televisive terrestri in ambito nazionale e locale un avviso con il quale ricorda che sono in scadenza le autorizzazioni rilasciate dal Ministero nel 2005 (ovviamente l’invio è progressivo e quindi riguarderà poi quelle rilasciate negli anni successivi).
Il lento convoglio delle misure di sostegno alle emittenti TV locali per il 2015 ha superato un’altra stazione. Lo fa sapere a questo periodico Confindustria Radio Televisioni, spiegandoci che “l’INPGI ha comunicato di aver inviato al Mise venerdì u.s. una prima tranche delle certificazioni di regolarità contributiva relative ai giornalisti in forza alle aziende. L’ente ha informato che una ulteriore tranche sarà trasmessa al Mise presumibilmente nella settimana corrente”.
Continua la pubblicazione da parte del Ministero dello Sviluppo Economico degli aggiornamenti alle graduatorie regionali relative ai fornitori di servizi di media audiovisivi, per il servizio televisivo digitale terrestre, oggetto dal Bando del 02/05/2016.
I ritardi nell’erogazione delle misure di sostegno per le TV locali si accumulano come quelli di convogli nell’eventualità di un guasto ferroviario.