Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
DTT, canoni diritti d'uso. Trattamento preferenziale per Mediaset da Agcom. Confalonieri: panzane
 
A riguardo delle notizie di stampa su presunti trattamenti preferenziali a favore di Mediaset se fosse approvata la delibera Agcom attualmente sospesa su indicazione dell'UE, il gruppo di Cologno ha categoricamente smentito la circostanza.
"Nessun regalo a Mediaset per il prossimo pagamento del canone e per l'uso delle frequenze", ha assicurato il presidente di Mediaset, Fedele Confalonieri, spiegando che "e' una panzana" l'ipotesi circolata sulla stampa perche' "e' la legge che dice che devono pagare gli operatori di rete il canone per l'uso delle frequenze". Ricordiamo che agli inizi dell'agosto scorso l'ente di garanzia nelle tlc aveva valutato di sospendere l'adottato provvedimento per la rideterminazione dei canoni per l'utilizzo delle frequenze DTT dopo il duro richiamo dell'UE di cui questo periodico per primo aveva dato conto (nel silenzio generale). Il Consiglio dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni aveva infatti discusso e definito (nella sua riunione del 6 agosto scorso) i criteri generali per la fissazione da parte del Ministero dello sviluppo economico dei contributi annuali per l’utilizzo delle frequenze nelle bande televisive terrestri. Tali criteri, spiegava Agcom in una nota, "sono stati individuati a conclusione di un lungo e accurato lavoro istruttorio, sulla base di una proposta del relatore Francesco Posteraro, che ha tra l’altro tenuto nel massimo conto - in applicazione del dovere di leale cooperazione di cui all’articolo 4(3) del Trattato sull’Unione Europea - le osservazioni formulate nei giorni scorsi dalla Commissione europea". In realtà, osservavamo all'indomani della decisione in autotutela dell'Autorità, come dalla nota della Commissione Europea, pubblicata da NL quasi in forma solitaria, più che di osservazioni sarebbe stato opportuno parlare di veri e propri richiami all'ordine. Infatti, le tariffe per l'utilizzazione dei canali per la radiodiffusione televisiva terrestre fissate da Agcom, secondo la Commissione, avrebbero favorito gli operatori nazionali esistenti (che avrebbero pagato meno di oggi per lo svolgimento della loro attività) penalizzando pesantemente i network provider locali e i cd. "nuovi entranti" (che difficilmente sarebbero riusciti a stare sul mercato). Nel merito, la Commissione Europea, temendo un consolidamento del duopolio in pendenza della chiusura della procedura d'infrazione avviata a seguito del caso Europa 7, il 18 luglio 2014 aveva inviato ad Agcom e al Ministero dello Sviluppo Economico una nota dal tono inequivocabile sia su tale argomento (con particolare riferimento all'assegnazione di uno dei tre lotti del dividendo digitale interno all'unico richiedente, il gruppo Cairo) che, appunto, sulla vicenda "canoni" (qui il testo integrale). Raccogliendo le doglianze degli operatori di rete locali, Bruxelles aveva, senza mezzi termini, bacchettato nuovamente le autorità italiane, che, scrivevamo, avrebbero dovuto prendere atto delle vincolanti indicazioni comunitarie (impartite sulla base del principio di "leale cooperazione" che vincola gli stati membri dell'UE) disponendo gli adeguamenti alle indicazioni sovranazionali, pena l'apertura di nuove procedure per la verifica di eventuali infrazioni al diritto europeo. L'Autorità aveva quindi deciso, opportunamente, "di non procedere per il momento all’approvazione della delibera, alla luce dell’intendimento del Governo, comunicato dal Sottosegretario di Stato allo sviluppo economico, di adottare modifiche al vigente assetto legislativo della materia nel prossimo mese di settembre". La decisione dell’Autorità, teneva a precisare l'ente, "è stata assunta nello spirito di leale collaborazione che caratterizza, nel rispetto della reciproca indipendenza, i rapporti con gli Organi costituzionali". Ora, alla ripresa delle attività d'esame del provvedimento, è scattata la preoccupazione degli operatori minori - raccolta dagli organi di stampa - per una persistenza dell'atteggiamento ritenuto penalizzante a loro carico e troppo favorevole  ai superplayer. (E.G. per NL) 
26/09/2014 07:01
 

Nooo, Mediaset non ha un trattamento preferenziale....

Se si trattasse di opinioni, ognuno sarebbe libero di difendere la propria, ma quando si tratta invece di numeri, non dovrebbe esser consentito diffondere comunicati come quello di Confalonieri. Se una tv locale deve pagare per una regione circa 95 mila euro ed una nazionale (per un territorio come minimo 20 volte maggiore) deve pagare poco di piu', cioe' 112.000 circa, allora qui non siamo piu' nel campo delle opinioni, questi sono numeri, non si possono smentire. Come si puo' dire che Mediaset, come tutte le nazionali, non sia favorita? Anche guardando solo il canone rispetto al territorio, senza nemmeno considerare le enormi differenze tra i 2 mercati pubblicitari (nazionale, florido, e locale da terzo mondo), già solo guardando all'estensione dell'area, come puo' essere che tutta Italia costi poco piu' di una sola regione. Secondo me uno che si permette di prendere in giro gli interlocutori con delle affermazioni certamente false, smentibili in 20 secondi, non dovrebbe avere il diritto di parlare, dovrebbe proprio essere fermato in flagranza di reato. Certo che pero' allora rimarremmo in pochi giorni senza politici....
Magari sarebbe una soluzione! 

sabato100

NOTIZIE CORRELATE
Agcom diffida Wind e Tre (recentemente fusesi in un’unica società) dal consentire agli utenti l’utilizzo di due servizi streaming di proprietà senza consumare il traffico dati previsto dal piano di abbonamento.
Lo scorso 15 Marzo, durante la Conferenza stampa di Radiomediaset, il Ceo Paolo Salvaderi ha illustrato i risultati operativi del gruppo, mentre Pier Silvio Berlusconi – alla conclusione dell’incontro con i giornalisti - ha offerto spunti collaterali sulle vicende Mediaset: il contenzioso con Vivendi, l’acquisto del logical channel number 20 (argomenti già approfonditi in precedenti articoli), l’intoppo nei rapporti col giornalista Giuseppe Cruciani e l’affare Ei towers-RaiWay.
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Si è svolta oggi nella hall del palazzo di Largo Donegani 1 la conferenza stampa di RadioMediaset in cui sono stati presentati i risultati ottenuti nell’ultimo anno di attività del polo che comprende le emittenti di proprietà Radio 105, Virgin Radio (entrambe ex Finelco), R101 e la partnership con Radio Monte Carlo (che rimane di proprietà della famiglia Hazan, precedente editore delle radio Finelco).
Seguendo un trend ormai consolidato che vede l'integrazione delle piattaforme distributive dei contenuti radiofonici anche sui device tv (smart e DTT) in considerazione che la maggioranza degli utenti non dispone più di apparati riceventi FM casalinghi (sicché la fruizione domestica del medium può avere luogo solo attraverso tv, pc o smartphone), Radio Sportiva sbarca sul digitale televisivo terrestre.