Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
DTT, clamoroso, Sky rinuncia al beauty contest: tempi lunghi favoriscono i concorrenti gia' presenti sul mercato
Sky Italia si chiama fuori dalla gara per le frequenze del digitale terrestre, il cosiddetto beauty contest, causa di una lunga querelle con il passato governo e di polemiche infinite tra le forze politiche.
Una decisione a sorpresa che l'emittente ha comunicato al ministro competente Corrado Passera e alla Commissione europea, motivandola con ''i tempi troppo lunghi'' e le regole inique che ''favoriscono i concorrenti gia' presenti sul mercato'', come Rai e Mediaset. Proprio per questo il centrosinistra ha messo ripetutamente sotto accusa le modalita' della competizione, stigmatizzando l'assegnazione gratuita di multiplex che potrebbero garantire ingenti risorse per lo Stato. I tempi di conclusione della gara sono incerti. La commissione che deve decidere sull'assegnazione e' al lavoro e potrebbe chiudere la pratica in pochi mesi, ma e' ancora da chiarire quale linea seguira' il nuovo governo anche alla luce delle richieste che arrivano, ancora oggi, da Pd, Idv, Udc e Fli di rivedere le regole di gara, garantendo introiti per lo Stato. Sul prosieguo della gara pesano anche i numerosi ricorsi presentati, ''ricorsi che - sottolinea la stessa Sky - potrebbero moltiplicarsi una volta annunciate le assegnazioni delle frequenze''. Si sono gia' rivolti al giudice, oltre alla stessa Sky, anche Rai, TI Media e Tivuitalia. La tv pubblica, Mediaset e Ti Media sono in lizza per i due multiplex destinati ai soggetti gia' presenti sul mercato. 3 Italia, Canale Italia, Prima Tv e Europa 7, dopo l'uscita di Sky, restano ora gli unici concorrenti in lizza per i tre blocchi destinati ai nuovi entranti. TI Media e' invece la sola in gara per il canale per lo standard di nuova generazione del digitale terrestre DVB-T2. Sky critica "la lunghezza dei tempi, ad oggi ancora indeterminati, del tutto incompatibili con l'esigenza di pianificare con certezza gli investimenti'' e ''un disciplinare di gara con regole che oggettivamente favoriscono operatori gia' attivi sul mercato''. Sky ricorda anche che la sua partecipazione era stata autorizzata dalla Commissione Ue nel luglio 2010 nel presupposto che cio' ''avrebbe comportato un'ulteriore apertura del mercato''. Invece, ora, il beauty contest ''non solo non interpreta piu' le reali esigenze di sviluppo e di apertura alla concorrenza, ma rischia di essere un elemento negativo per lo stesso''. Considerazioni fatte avere anche alla Commissione europea, che attende la conclusione della gara per valutare l'effettiva apertura del mercato ed eventualmente chiudere la procedura di infrazione aperta nei confronti dell'Italia ed ora sospesa. In ogni modo a fine anno scadono tutti i vincoli che impedivano a Sky di operare su piattaforme diverse dal satellite e l'emittente potrebbe teoricamente rafforzare la sua offerta sul digitale terrestre. ''Ci auguriamo che questa nostra decisione, per quanto difficile e onerosa, possa dare un serio contributo ad avviare un dibattito aperto e costruttivo sul futuro della televisione nel nostro Paese'', ha commentato l'ad di Sky Andrea Zappia, auspicando ''lo sviluppo di nuovi modelli di business basati anche su forme e tecnologie diverse dal DTT'', come DSL e fibra. (ANSA)
01/12/2011 07:51
 

Uscire dalla porta per rientrare dalla finestra.

Se mi è permesso un volo di fantasia vorrei presentare un ipotetico scenario in cui:
1) Con l'arrivo del 2012 qualche contratto d'affitto su mux nazionali potrebbe essere in scadenza. In una situazione tanto caotica non sarebbe strano pensare che alcuni contratti abbiano durata rinnovabile di anno in anno, e al 2012 alcuni operatori potrebbero aver fatto conto di ritrovarsi con un mux in più, regalato, per piazzare i propri programmi ora in affitto.
2) L'ingresso recente di 3lettronica industriale come operatore dvb-T ha modificato gli equilibri attuali. TV Italia è ancora in un limbo tutto suo, lontana da una concessione nazionale ed una frequenza unica. Il secondo mux de L'Espresso non ha una copertura capillare e sulle private pende la mannaia della riassegnazione delle frequenze. Vista la sua copertura il mux dell'ex operatore dvb-H è molto appetibile.
3) Restando in particolare sul Mux2 de L'Espresso e quello di 3lettronica, entrambi sembrano essere gestiti (tecnicamente) più o meno da Elettronica industriale e anche per quel che riguarda i siti di trasmissione non c'è poi molta scelta. In quest'ottica L'Espresso potrebbe aver avuto degli sconti o comunque dei vantaggi nell'ospitare Italia2 e Discovery World dell'offerta Mediaset, 3lettronica potrebbe avere questi stessi vantaggi in futuro.
Ipotizziamo allora che Mediaset decida di trasferire i suoi due canali (e i relativi vantaggi economici) dal mux de L'Espresso a quello di 3lettronica (con maggiore copertura) approfittando dello scadere dei contratti o risolvendoli anticipatamente.
L'Espresso si ritroverebbe con due mux di cui solo uno utile alla sua offerta editoriale: Radio Italia e Radio Capital tv andrebbero a sostituire i due Mediaset; DJ+2 non ha molto senso e Repubblica tv è più di là che di qua in questo periodo. Conti alla mano potrebbe convenirgli non tenere questo secondo mux coi relativi costi ma cercare di venderlo, ottenendo in cambio il costoso supporto tecnico per la gestione e la manutenzione dei ripetitori da un altro grande gruppo editoriale.
Ecco, io non aggiungo altro, se non che nel 2012 cadono i vincoli per Sky sul digitale terrestre.

Bruno

NOTIZIE CORRELATE
Il Tar del Lazio (sent. n. 03747/2017) ha confermato la sanzione di 200.000 euro comminata da AgCom a Sky Italia con un provvedimento risalente al 2008.
A+E television networks, emittente televisiva via cavo e satellitare statunitense, è un brand sicuramente ancor poco conosciuto in Italia.
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Seguendo un trend ormai consolidato che vede l'integrazione delle piattaforme distributive dei contenuti radiofonici anche sui device tv (smart e DTT) in considerazione che la maggioranza degli utenti non dispone più di apparati riceventi FM casalinghi (sicché la fruizione domestica del medium può avere luogo solo attraverso tv, pc o smartphone), Radio Sportiva sbarca sul digitale televisivo terrestre.
Sky Italia diventa il terzo polo della produzione e distribuzione cinematografica nazionale, ma le concorrenti storiche del mercato Rai con Rai Cinema e Mediaset con Medusa film non sembrano preoccuparsi eccessivamente.