Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
DTT. Dal 01/01/2017 in vendita solo tv con T2. Switch-over trasmissioni entro 2022 con principali canali in simulcast

A partire dal 01/01/2017 sul territorio nazionale non possono più essere venduti televisori con le vecchie codifiche DVB-T/MPEG2 o MPEG4.
Ne dà conto Confindustria Radio Tv, ricordando che "i terminali dovranno essere predisposti per la ricezione del nuovo standard DVBT-2/HEVC, digitale terrestre di seconda generazione, che permette un uso più efficiente delle frequenze attraverso una compressione stimata del 30% del segnale". È quanto previsto “Decreto Milleproroghe 2015”, poi convertito nella Legge 11/2015, che a suo tempo ha fissato al 01/07/2016 (posticipandolo di 18 mesi) l’obbligo di inserire un sintonizzatore DVB-T2 negli apparecchi televisivi e nei decoder per le vendite dai produttori ai distributori al dettaglio (previsto dalla Legge 44/2012). Il decreto ha inoltre esteso, accogliendo le preoccupazioni espresse da Confindustria Radio Televisioni, l’obbligatorietà delle codifiche a tutti i codec compreso lo standard di compressione HEVC, che è quello che si è maggiormente diffuso sul mercato internazionale. L’estensione dell’obbligo ha permesso di: garantire ai consumatori la rapida introduzione di apparecchi atti a ricevere servizi televisivi DVB-T2 con codifica evoluta HEVC; evitare che il territorio italiano diventi un mercato di “risulta” di televisori obsoleti (l’obbligatorietà in altri Paesi, come la Francia è in vigore da molti anni); ma soprattutto scongiurare una doppia migrazione (la prima al DVB-T2 MPEG4 e la seconda al DVB-T2 HEVC), con conseguente necessità di acquisto di nuovi ricevitori a distanza ravvicinata, particolarmente gravosa per gli utenti. Secondo stime CRTV "su circa 48 milioni di ricevitori televisivi nelle abitazioni italiane al marzo 2016 solo il 6% circa era equipaggiato a ricevere il nuovo standard con un tasso di sostituzione tra i 4 e i 6 milioni di pezzi all’anno". La transizione alla nuova tecnologia è anche obbligata dalla migrazione programmata a livello di Unione Europea della banda 700 MHz alla banda larga mobile prevista entro il 2020-22. In Italia tale banda è occupata per oltre il 60% da operatori di rete nazionali e la restante parte quasi integralmente utilizzata da emittenti locali, con alcuni diritti d’uso in scadenza al 2032. La transazione sarà graduale e fino al 2022 i principali canali saranno trasmessi in simulcast. Tuttavia Confindustria Radio Televisioni in tutte le occasioni istituzionali ha indicato come urga "una programmazione e una comunicazione coordinata del processo di migrazione a tutela degli utenti e delle imprese del settore". (E.G. per NL)
03/01/2017 18:47
 
NOTIZIE CORRELATE
L’Italia è riuscita a ottenere l’agognata dilazione di due anni per la liberazione della banda 700 MHz, che dovrà passare entro il 2020 (con tolleranza fino al 2022) dalle televisioni alle connessioni mobili, in vista dello sviluppo del 5G.
Forse è la volta buona. Della collocazione sul mercato dei preziosi asset quale fornitore di servizi media audiovisivi nazionale con associati importanti logical channel number (LCN) abbiamo parlato in molte occasioni su queste pagine.
Come già reso noto in altro articolo anticipativo, il Parlamento europeo, il Consiglio UE e la Commissione europea hanno rconcluso il 14/12 un accordo politico su un approccio coordinato a livello di Unione Europea per l’uso della banda 700 MHz (694-790 MHz) e UHF (470-790 MHz). L’accordo si basa sulla proposta di decisione presentata dalla Commissione nel febbraio scorso.
Consiglio e Parlamento, nel corso del 'trilogo' con la Commissione europea, hanno raggiunto un accordo politico sull'uso delle frequenze di 700 Mhz per i servizi mobili che sara' disponibile per la banda larga facilitando l'introduzione dei dispositivi 5G entro il 2020.
Il Ministero dello Sviluppo Economico ha reso noto che, a conclusione del procedimento di revisione avviato, sulla base delle osservazioni formulate da alcuni operatori, nonché in ottemperanza alla sentenza del TAR LAZIO n. 09658/2016 a favore di Publimagic srl (ora Quenza spa) sono state apportate variazioni alla graduatoria di revisione delle frequenze televisive locali della Regione Lombardia di cui alla determina pubblicata sul sito il 13/07/2015 e modificata in data 25/11/2015.