Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
DTT, dividendo interno: "molto probabile" Mediaset e Rai fuori da asta, dice presidente AgCom
E' molto probabile che né Mediaset né Rai parteciperanno all'asta per l'assegnazione delle frequenze tv rese libere dal passaggio dall'analogico al digitale.
Lo ha detto oggi Angelo Cardani, presidente dell'Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni, confermando che l'organismo da lui guidato invierà entro metà gennaio il regolamento per l'asta al Ministero per lo Sviluppo economico. "Non è un'esclusione mirata a Rai e Mediaset, è una condizione per la partecipazione all'asta che fa sì che sia molto probabile che sia Rai che Mediaset non parteciperanno per lo scelta", ha detto Cardani rispondendo a una domanda di Reuters sulla prevista esclusione dei due giganti del mercato tv italiano dalla gara, come riferito da una della Commissione europea. Rai e Mediaset dispongono ognuna di quattro multiplex più uno convertibile. Ma se decidessero di convertire le frequenze Dvh-b per la tv sui telefoni cellulari, come sembra al momento probabile, sarebbero fuori dall'asta, secondo le regole concordate con Bruxelles. "Personalmente non credo parteciperanno, ma per un calcolo aziendale", ha detto Cardani. Dopo la dichiarazione del responsabile di AgCom il titolo Mediaset, prima in calo dello 0,8%, è peggiorato a -1,8%. Nei giorni scorsi, prima che il Pdl annunciasse la fine del sostegno al governo, il ministro dello Sviluppo Economico Corrado Passera aveva detto che l'asta si sarebbe tenuta entro la fine della legislatura. Attualmente lo schema di provvedimento è in fase di consultazione pubblica. (Reuters)
 
 
15/12/2012 09:08
 
NOTIZIE CORRELATE
Lo scorso 15 Marzo, durante la Conferenza stampa di Radiomediaset, il Ceo Paolo Salvaderi ha illustrato i risultati operativi del gruppo, mentre Pier Silvio Berlusconi – alla conclusione dell’incontro con i giornalisti - ha offerto spunti collaterali sulle vicende Mediaset: il contenzioso con Vivendi, l’acquisto del logical channel number 20 (argomenti già approfonditi in precedenti articoli), l’intoppo nei rapporti col giornalista Giuseppe Cruciani e l’affare Ei towers-RaiWay.
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Si è svolta oggi nella hall del palazzo di Largo Donegani 1 la conferenza stampa di RadioMediaset in cui sono stati presentati i risultati ottenuti nell’ultimo anno di attività del polo che comprende le emittenti di proprietà Radio 105, Virgin Radio (entrambe ex Finelco), R101 e la partnership con Radio Monte Carlo (che rimane di proprietà della famiglia Hazan, precedente editore delle radio Finelco).
“Il ministero dello Sviluppo Economico assegna alla concessionaria la capacità trasmissiva necessaria”: questo è quanto si legge, secondo Repubblica, all’articolo 7 della bozza di provvedimento in studio al Consiglio dei Ministri per la concessione del servizio pubblico alla RAI.
Il Ministero dello Sviluppo Economico ha prorogato oggi di 7 giorni il termine per la presentazione delle istanze di partecipazione alla procedura di selezione comparativa per l’assegnazione di 86 frequenze asincrone in onde medie, originariamente collocato al 15/03/2017.