Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
DTT, dividendo interno. Retecapri (al solito) contesta tutto: bando, assegnazione frequenze, LCN, ecc. ecc.
 
Ennesima protesta di ReteCapri, il sedicente discriminato network del Sud.  Questa volta il suo editore, Costantino Federico, se la prende con "la decisione del Ministero dello Sviluppo Economico circa la pubblicazione del bando per l’asta (ex ‘beauty contest’) per l’assegnazione dei tre multiplex nazionali in tecnica DVB-T".
Secondo ReteCapri, infatti, non sarebbe possibile "procedere con la predisposizione dell’asta se la vicenda della numerazione dei canali sul telecomando (LCN) non arriva ad una conclusione. I partecipanti alla gara, infatti, si suppone siano operatori di rete per cui, se ottenessero uno dei tre multiplex, dovrebbero poi veicolare dei canali, cioè essere fornitori di contenuti, e per farlo devono avere bisogno anche dell’assegnazione di numerazioni LCN". "Chi e come parteciperà all’asta frequenze per fornire capacità trasmissiva ai possibili nuovi entranti se i relativi editori non sanno quale sarà la numerazione LCN assegnata?", si chiede il network campano, che, in una nota sull'argomento aggiunge: "Retecapri potrà partecipare alla gara ma a chi potrà offrire i servizi di capacità trasmissiva? E’ evidente che il bando e l’asta sono stati pensati per impedire l’arrivo di nuovi competitors. Essendo ancora non risolta la problematica LCN, quindi, dopo le sentenze di annullamento di Tar e Consiglio di Stato delle delibere Agcom N. 366 e (parzialmente) N. 237, è praticamente impossibile concludere per prima la pratica frequenze". Invero, Retecapri si dà anche una possibile risposta alla propria domanda: "a meno che non ci sia l’intenzione implicita di Agcom e MISE di far restare tutto com’è sul telecomando per cui il problema, per così dire, non sussiste".  Una situazione foriera do una ridda di ricorsi "(...) in tutte le sedi, civili, penali e comunitaria, aumentando caos e confusione definitiva con pesanti rischi causati dall’inottemperanza di Ministero e Autorità". Ricorsi che, del resto e tanto per cambiare, la rete anticipa anche per parte propria "nelle varie sedi compresa l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato cosiddetta Antitrust, sia a livello comunitario". Ovviamente non può mancare la consueta pretesa di ottenere (l'improbabile) assegnazione del logical channel number 8, posto che "Tar e Consiglio di Stato hanno dichiarato illegittime le assegnazioni LCN delle posizioni 8 e 9 a MTV e DeeJayTV, emittenti di chiara matrice tematica, mentre tali numerazioni erano destinate alle tv generaliste, oltre che “storiche”, vale a dire “ex analogiche” cioè che operavano già in analogico prima dello switch off. Il tutto in chiaro danno di ReteCapri che pur rispettando i parametri di ex analogica oltre che di generalista, ha ottenuto la discriminante posizione n. 20, appositamente predisposta per le “escluse” dal primo arco (1-9)". Sicché, ad avviso del network del sud: "Nella nuova assegnazione, quindi, ReteCapri dovrà ottenere, secondo l’ordine stabilito dalla stessa Agcom, la posizione n. 8". Nulla di nuovo sotto il sole, quindi. E dalla contestazione urbi et orbi non si salva del resto nemmeno la pianificazione delle frequenze DTT, a riguardo della quali ReteCapri dichiara di aver "già più volte denunciato l’ulteriore discriminazione nell’aver ottenuto, in sede delle assegnazioni in DTT, un solo multiplex pur già operante con due frequenze, rispetto a operatori che, di pari requisiti, ne hanno ottenuti 2 (il caso di ReteA-all Music), senza poi considerare l’enorme sproporzione di canali con i soliti big players che hanno ottenuto 5 multiplex (Rai-Mediaset più Telecom e L’Espresso con la fusione prossime delle rispettive frequenze), realizzando un assetto di mercato con sì tanti canali, ma controllati sempre da un duopolio. Un falso pluralismo". Vabbè... (M.L. per NL)
11/02/2014 08:06
 
NOTIZIE CORRELATE
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Seguendo un trend ormai consolidato che vede l'integrazione delle piattaforme distributive dei contenuti radiofonici anche sui device tv (smart e DTT) in considerazione che la maggioranza degli utenti non dispone più di apparati riceventi FM casalinghi (sicché la fruizione domestica del medium può avere luogo solo attraverso tv, pc o smartphone), Radio Sportiva sbarca sul digitale televisivo terrestre.
Andrà a Mediaset il canale 20, fino ad oggi in mano a Retecapri e che, come già segnalato nelle scorse settimane su questo periodico, era prossimo ad una vendita verso non meglio identificati acquirenti.
Sony approda sulla tv italiana free to air: è recente l’annuncio, infatti, del raggiungimento di un accordo con la TBS di Costantino Federico per la cessione degli lcn 45 e 55, qui quali probabilmente andranno Axn ed Axn Sci-Fi.
Secondo quanto riportato dal Sole24ore, Viacom Networks sarebbe intenzionata a riportare Mtv sul digitale terrestre. Il canale prescelto dovrebbe essere il numero 49, ora di proprietà del gruppo americano Scripps Networks, il quale intenderebbe spostare il proprio business sul LCN 33 (rilevato la scorsa estate dalla sfortunata Agon Channel).