Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
DTT, divieto veicolazione servizi media audiovisivi nazionali su consorzi di carrier locali. Proseguono le proteste degli operatori areali
Continua la protesta delle tv locali contro la decisione del Ministero dello sviluppo economico di assegnare numerazioni riservate alle emittenti locali a quei fornitori di servizi di media audiovisivi nazionali veicolati degli operatori di rete locali.
"Ciò significa - spiega la Federazione Radio Televisioni in una nota - che il Ministero, sulla base di un parere rilasciato dall'Agcom, ha voluto distinguere due categorie di operatori di rete: quelli con impianti di proprietà di un singolo soggetto – emittente nazionale – e quelli con impianti di proprietà di più soggetti, come nel caso dei consorzi tra emittenti locali. Applicando tale principio il Ministero ha collocato il fornitore di servizi di media nazionale nell'arco nell'arco di numerazioni riservato alle tv locali con la conseguenza da un lato di ridurre le risorse di queste ultime e dall'altro di rendere commercialmente meno appetibile l'offerta di banda da parte degli operatori di rete locali". "Le emittenti locali - fa sapere l'ente esponenziale (che tuttavia rappresenta, con la confederata associazione tv nazionali, anche gli interessi degli operatori che da tale orientamento trarranno enormi vantaggi, come Mediaset) - sono decise ad adire le vie legali rivolgendosi al TAR del Lazio affinché annulli i provvedimenti di assegnazione di Lcn riservati alle locali ai fornitori di servizi di media audiovisivi nazionali. La FRT, sottolinea il comunicato "interverrà a tutti i livelli sia nei confronti dell'Agcom che del Ministero per cercare di risolvere tale odiosa questione che pone in contrasto diretto le Associazioni delle Tv Locali con le Associazioni di tv nazionali".
15/12/2010 16:46
 
NOTIZIE CORRELATE
Il Consiglio dei Ministri, riunitosi in data odierna, 24/03/2017, ha approvato, in esame preliminare, il nuovo Regolamento ai sensi della Legge 28/12/2015, n. 208 (legge di stabilità 2016) per la disciplina relativa ai contributi pubblici a sostegno delle emittenti televisive e radiofoniche locali.
Il Ministero dello Sviluppo Economico sta inviando  ai titolari delle autorizzazioni per la fornitura di servizi di media audiovisivi per la diffusione in tecnica digitale su frequenze televisive terrestri in ambito nazionale e locale un avviso con il quale ricorda che sono in scadenza le autorizzazioni rilasciate dal Ministero nel 2005 (ovviamente l’invio è progressivo e quindi riguarderà poi quelle rilasciate negli anni successivi).
Il lento convoglio delle misure di sostegno alle emittenti TV locali per il 2015 ha superato un’altra stazione. Lo fa sapere a questo periodico Confindustria Radio Televisioni, spiegandoci che “l’INPGI ha comunicato di aver inviato al Mise venerdì u.s. una prima tranche delle certificazioni di regolarità contributiva relative ai giornalisti in forza alle aziende. L’ente ha informato che una ulteriore tranche sarà trasmessa al Mise presumibilmente nella settimana corrente”.
Continua la pubblicazione da parte del Ministero dello Sviluppo Economico degli aggiornamenti alle graduatorie regionali relative ai fornitori di servizi di media audiovisivi, per il servizio televisivo digitale terrestre, oggetto dal Bando del 02/05/2016.
I ritardi nell’erogazione delle misure di sostegno per le TV locali si accumulano come quelli di convogli nell’eventualità di un guasto ferroviario.