Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
DTT. EI Towers e Cairo sottoscrivono accordo per realizzazione e "gestione full" mux su L3 dividendo
 
Il player tlc EI Towers SpA di Lissone (Mi), orbitante nel gruppo Mediaset, ha comunicato ieri di aver sottoscritto con Cairo Network Srl, società interamente partecipata da Cairo Communication SpA, gli accordi per la realizzazione e la successiva gestione tecnica pluriennale in modalità full service (ospitalità, assistenza e manutenzione, utilizzo dell'infrastruttura di trasmissione, ecc.) di un nuovo multiplex nazionale DTT.
Il nuovo mux opererà in banda UHF sulla frequenza del lotto L3 del dividendo interno, per la quale Cairo ha ottenuto dal Ministero per lo Sviluppo Economico l’assegnazione dei relativi diritti d’uso. La sottoscrizione degli accordi fa seguito alla definizione tra le parti del term sheet comunicata al mercato il 16 giugno dello scorso anno. Gli accordi prevedono una fase transitoria, nel corso della quale avranno luogo la realizzazione, la messa in esercizio del mux e il primo periodo di esercizio dello stesso, che si estenderà dalla data di sottoscrizione degli accordi al 31 dicembre 2017, e una fase a regime della durata di 17 anni (dal 2018 al 2034). I termini contrattuali contemplano la facoltà di recesso libero da parte di Cairo a partire dal 1à gennaio 2025 e una copertura garantita a regime almeno pari al 94% della popolazione, allineata ai bouquet nazionali a maggior copertura. Il corrispettivo pattuito nella fase transitoria sarà pari a €11,5 milioni (complessivi nel triennio); a regime (a partire dall’anno 2018), a €16,3 milioni annui. Tali valori sono comprensivi del corrispettivo per la messa a disposizione dei trasmettitori. Gli accordi prevededono altresì un potenziale onere annuo per EIT, a partire dal 2018, compreso tra €0 e un massimo di €4 milioni, nell’eventualità in cui la banda disponibile sul mux non fosse integralmente sfruttata da Cairo con nuovi contenuti propri o di terzi. Come già comunicato a giugno 2014, EIT prevede inoltre investimenti a proprio carico per un valore non superiore a €18 milioni tra il 2015 ed il 2016, comprensivi dell’acquisto dei trasmettitori messi a disposizione di Cairo. I valori appena esposti sono di poco inferiori a quanto contenuto nel term sheet e, di conseguenza, secondo il player tlc, "non avranno un impatto non significativo sui target di Piano 2015-2018 del Gruppo EIT". "Gli accordi con Cairo, uno dei clienti più significativi del segmento TV broadcasting consentiranno a EIT di allungare significativamente la vita media del proprio portafoglio contratti e, a regime, di accrescere la marginalità sfruttando la leva operativa tipica dei tower operator", conclude l'ex Elettronica Industriale. (E.G. per NL)
 
29/01/2015 08:15
 
NOTIZIE CORRELATE
Cairo Editore ha registrato, nel 2016, una crescita del 7% (rispetto al 2015) in termini di raccolta pubblicitaria proveniente dalle testate del gruppo, per un totale di 27,6 mln di euro (nel 2015 sono stati invece 25,8 mln).
Lo scorso 15 Marzo, durante la Conferenza stampa di Radiomediaset, il Ceo Paolo Salvaderi ha illustrato i risultati operativi del gruppo, mentre Pier Silvio Berlusconi – alla conclusione dell’incontro con i giornalisti - ha offerto spunti collaterali sulle vicende Mediaset: il contenzioso con Vivendi, l’acquisto del logical channel number 20 (argomenti già approfonditi in precedenti articoli), l’intoppo nei rapporti col giornalista Giuseppe Cruciani e l’affare Ei towers-RaiWay.
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Seguendo un trend ormai consolidato che vede l'integrazione delle piattaforme distributive dei contenuti radiofonici anche sui device tv (smart e DTT) in considerazione che la maggioranza degli utenti non dispone più di apparati riceventi FM casalinghi (sicché la fruizione domestica del medium può avere luogo solo attraverso tv, pc o smartphone), Radio Sportiva sbarca sul digitale televisivo terrestre.
L’Effetto Sanremo, ossia il picco di ascolti che Rai 1 registra durante il Festival, consegna al primo canale nazionale la cima della classifica dello share (17,61%) riferito alla prima serata di febbraio 2017 e al target “commerciale” di utenti tra i 15 e i 54 anni.