Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
DTT. Emilia Romagna: Richetti, salvare il ch 24 UHF della Rai regionale dall'asta delle frequenze
Salvare la Rai dell'Emilia-Romagna, migliorando, invece di aggravare, una situazione che dopo il passaggio al digitale terrestre continua a registrare problemi di ricezione in quattro province su nove (Piacenza, Parma, Ferrara e Ravenna) e in numerose zone appenniniche.
Viceversa, la situazione potrebbe appunto peggiorare qualora, il prossimo 19 aprile, venisse ceduta all'asta la frequenza portante della tv di Stato nella nostra regione: il canale 24 Uhf. Se cosi' fosse, l'obbligo a utilizzare il canale rimanente, Uhf 123, nella migliore delle ipotesi '"regalerebbe" ai cittadini emiliano-romagnoli la visione del Tgr del Veneto, nella peggiore un secondo switch off verso il canale rimasto, di qualita' estremamente inferiore, con la necessita' di rivolgersi agli antennisti per migliorare l'impianto di ricezione delle proprie abitazioni. In soldoni: disagi su disagi. A lanciare l'appello e' l'Ufficio di Presidenza dell'Assemblea legislativa dell'Emilia-Romagna, che in una risoluzione sottoscritta da tutti i componenti e condivisa dall'intera Conferenza dei capigruppo chiede alla Giunta regionale di intervenire sul ministero dello Sviluppo economico e l'Agcom, l'Autorita' per le garanzie nelle comunicazioni, per ''escludere il canale 24 Uhf dalle frequenze inserite nelle procedura di evidenza pubblica'', perche' quella frequenza rappresenta ''l'ossatura portante delle rete del servizio pubblico in Emilia-Romagna''. Su proposta dell'Ufficio di presidenza, la Conferenza dei Capigruppo ha iscritto la risoluzione all'ordine del giorno della seduta consiliare di martedi' 17 aprile. ''La questione va affrontata con la massima urgenza- afferma il presidente dell'Assemblea legislativa, Matteo Richetti - ovviamente prima del 19 aprile, data dell'asta delle frequenze". L'Assemblea legislativa si trova dunque a dover fare i conti con l'ennesima difficolta' legata al digitale terrestre in regione, a cui solo recentemente, e non totalmente, la Rai sembrava aver posto rimedio con la trasmissione del Tg3 regionale su una seconda frequenza: infatti il cosiddetto beauty contest, cioe' la procedura per l'assegnazione dei diritti d'uso di frequenze in banda televisiva, prevede il rilascio da parte di Rai e la conseguente messa all'asta anche della frequenza Uhf 24, ''l'unica adatta a veicolare il segnale Rai per qualita' e protezione'', ricorda la risoluzione. L'eventuale cessione porterebbe Rai3 Emilia-Romagna ad ''utilizzare un canale di qualita' estremamente inferiore, costringendo moltissimi cittadini emiliano-romagnoli a ricevere il Tgr del Veneto o, eventualita' ancora peggiore, a sottoporsi ad un secondo switch off". Ulteriore richiesta dell'Assemblea e' quindi che ministero e Garante si impegnino a ''proteggere adeguatamente il canale 24 Uhf diffuso nelle aree di Parma e di Piacenza''. (ASCA)
 
 
12/04/2012 07:35
 
NOTIZIE CORRELATE
“Siamo delusi dall’intervento del Direttore Generale in Commissione Parlamentare di Vigilanza sul tema della Convezione di Servizio Pubblico. Ci saremmo aspettati un intervento con dati alla mano: entrate 2016, previsione entrate 2017 e 2018 e relativo progetto industriale”.
Intrattenimento in day time e talk show incentrati su casi di cronaca? Il direttore generare Rai Antonio Campo Dall’Orto potrebbe dire “Non parliamone più”, parafrasando il titolo della trasmissione di Rai Uno (Parliamone sabato) recentemente chiusa per le polemiche su uno dei suoi approfondimenti.
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Seguendo un trend ormai consolidato che vede l'integrazione delle piattaforme distributive dei contenuti radiofonici anche sui device tv (smart e DTT) in considerazione che la maggioranza degli utenti non dispone più di apparati riceventi FM casalinghi (sicché la fruizione domestica del medium può avere luogo solo attraverso tv, pc o smartphone), Radio Sportiva sbarca sul digitale televisivo terrestre.
“Il ministero dello Sviluppo Economico assegna alla concessionaria la capacità trasmissiva necessaria”: questo è quanto si legge, secondo Repubblica, all’articolo 7 della bozza di provvedimento in studio al Consiglio dei Ministri per la concessione del servizio pubblico alla RAI.