Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
DTT, Europa 7 ammessa al concordato preventivo. 4,4 mln di perdite e debiti per 34,2 mln nel 2011 a fronte di 0,3 mln di fatturato
 
Il Tribunale di Roma ha accolto la domanda di concordato preventivo presentata il 2 luglio scorso da Centro Europa 7, il network provider che veicola la "tv che non c'è" di Francescantonio Di Stefano.
La società che trasporta Europa 7, da quasi tre lustri in lotta con il Ministero dello Sviluppo Economico per l'attribuzione di una frequenza nazionale, è stata quindi ammessa al procedimento. "Non gettiamo la spugna, ma 14 anni di battaglie si sentono tutti e non restava che questa soluzione", ha dichiarato al quotidiano Italia Oggi, azionista di riferimento e presidente del CdA Di Stefano. Le difficoltà eravano evidente: nell'ultimo bilancio disponibile, quello del 2011, CE7 presentava perdite per 4,4 mln di euro e debiti per 34,2 mln, a fronte di un irrisorio fatturato di 0,3 mln euro. A nulla erano valsi i tentativi di competere con gli altri fornitori di servizi media audiovisivi in DTT sulla tecnologia, sperimentando e proponendo per primi il DVB-T2  o sui contenuti, concorrendo per i diritti di alcune squadre di calcio della serie A e di tutta la B per il triennio 2012-2015 (dopo la chiusura della piattaforma Dahlia). "Ora speriamo che la gestione degli impianti di trasmissione, attraverso la controllata Europa Way, possa aiutarci ad uscire dalla impasse - spiega Di Stefano alludendo a contratti di trasporto con terzi content provider -. Ma non potevamo fare altro. Con la crisi economica italiana pure le attività all'interno dei nostri studi televisivi si sono ridotte molto, aggravando ulteriormente la situazione. Dopo 14 anni di battaglie, le dico la verità: mi sono anche stancato di parlarne", conclude sconsolato l'imprenditore romano. (M.L. per NL)
28/10/2013 15:32
 
NOTIZIE CORRELATE
Sulle vicende di Europa 7, rete nazionale comparsa dal nulla nel 1999, quando ottenne il titolo concessorio - caso unico in Italia - in assenza di frequenze su cui trasmettere (non essendo figlia del censimento del 1990), ci siamo a lunghi dibattuti su queste pagine.
Il caso Europa 7 tiene ancora banco, almeno nelle aule giudiziarie. Se l'infatti il network romano sta vivendo una situazione difficilissima sul piano economico, con la rete di diffusione in default, la UE ha rilevato come il nostro paese non abbia ancora risolto la vicenda che la coinvolge da 15 anni.
Il DVB-T2? Ce lo chiedono gli italiani, le televisioni, il governo e anche l'Europa. Parafrasando dichiarazioni oggi di moda, potrebbe essere questo lo slogan della rediviva Europa 7, la tv che non c'era e sta sempre cercando di esserci.
La Lega Calcio di Serie B ha annunciato la definizione di un accordo con il Centro Tv Europa 7 per la messa in onda di Serie B Tv, canale ufficiale della Lega sulla piattaforma Europa 7 Hd per le prossime tre stagioni sportive.
Con la sentenza del 7 giugno scorso, l'organo europeo presieduto dalla belga Françoise Tulkens ha respinto la tesi di Centro Europa 7 secondo cui il processo davanti al Consiglio di Stato, conclusosi con le sentenze del 2008 e 2009, sarebbe stato viziato da favoritismi e parzialità, confermando che si è trattato di un giudizio equo e imparziale.