Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
DTT, Gazzetta Tv: il marchio/palinsesto da DeA 59 a Digital Factory (40% De Agostini, 60% Digicast by RCS)
 
Si delineano i contorni dell'operazione Gazzetta Tv, content provider DTT originariamente di proprietà di DeA 59 s.r.l., società del gruppo De Agostini.
L'operazione prevede il conferimento a Digital Factory, società del Gruppo RCS, del ramo d’azienda comprensivo dell’autorizzazione per la trasmissione sul canale 59 del digitale terrestre, in funzione dell’avvio delle attività televisive di GazzettaTv previsto per fine febbraio. Di conseguenza Digital Factory sarà partecipata al 40% da DeA 59 e al 60% da Digicast, società integralmente controllata da RCS MediaGroup. La nuova televisione sportiva GazzettaTv offrirà al pubblico un’informazione aggiornata e approfondita nell’intero arco della giornata, coi contributi de La Gazzetta dello Sport. GazzettaTv sarà diretta da Andrea Monti e si avvarrà di alcune delle firme del quotidiano e di protagonisti del mondo sportivo, con un palinsesto ricco di notiziari, approfondimenti, rubriche, che verrà presto reso noto. "GazzettaTv - fa sapere RCS in una nota - arricchisce ulteriormente il percorso strategico di innovazione che ha visto il Sistema Gazzetta protagonista di un’annata memorabile: il nuovo sito gazzetta.it partito esattamente un anno fa, che continua a collezionare risultati record e in costante crescita; la nuova digital edition Gazza Gold lanciata in apertura dei Mondiali; la trasformazione editoriale e grafica del quotidiano cartaceo in novembre, con più contenuti esclusivi, più analisi e più approfondimenti, e infine il debutto dell’innovativa redazione multimediale integrata di via Rizzoli, a Milano". (E.G. per NL)
12/02/2015 11:23
 
NOTIZIE CORRELATE
Più di 100 mln di perdita in meno rispetto all’anno scorso e al contempo più di 100 mln in meno di debiti, nonostante i ricavi siano ancora in calo.
Primi risultati positivi derivanti dal cambio di gestione all’interno del gruppo editoriale RCS - Corriere della Sera, con una riduzione delle perdite del gruppo dovuta principalmente ai tagli sulle spese e al buon risultato del segmento sportivo, trainato dagli eventi del 2016.
Questa mattina Urbano Cairo ha annunciato il controllo di fatto su Rcs con il 48,8% del capitale sociale che potrebbe aumentare fino al 60%. Previsto nuovo cda e nuovi progetti sul piano editoriale.
Sembra quasi ciò che dovrebbe essere il servizio pubblico televisivo: quasi tutti i contenuti autoprodotti e molta più informazione delle altre reti; rimane però la necessità di allargare il target di riferimento per attirare investitori pubblicitari. In arrivo programmi di Scanzi e, forse, anche di Travaglio; con il nuovo anno lo spostamento sul nuovo multiplex.
E’ partita quella che potrebbe essere la settimana più lunga per Rcs Mediagroup. La contesa, a suon di offerte e contro-offerte, per il controllo del gruppo che edita il Corriere della Sera e la Gazzetta dello Sport è arrivata agli sgoccioli.