Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
DTT: HSE24 (Home Shopping Europe) e RTL 102.5 su carrier nazionali TIMB. Primo effetto del divieto di trasmettere contenuti nazionali su mux di tv locali?
Telecom Italia Media comunica che la propria controllata Telecom Italia Media Broadcasting ha firmato due nuovi importanti contratti di ospitalità su banda digitale terrestre nazionale con HSE24 (gruppo Home Shopping Europe) e con RTL 102.5.
Il contratto con HSE24, che segna il ritorno in Italia di un importante Gruppo editoriale europeo, è partito il 15 gennaio 2011, ha una durata di sei anni con possibile rinnovo per i sei anni successivi e prevede l’utilizzo di 3 Mbps di capacità trasmissiva DTT. Il contratto siglato con RTL 102.5, tra i principali network radiofonici nazionali e il primo a trasmettere anche in radiovisione, partirà il 1°aprile 2011, ha una durata di cinque anni, anch’esso rinnovabile, e prevede l’utilizzo di 3 Mbps di capacità trasmissiva DTT. Secondo TIMB "L’acquisizione di questi nuovi importanti clienti dimostra ancora una volta, in un contesto di mercato in grande evoluzione, la capacità di Telecom Italia Media e del suo operatore di rete TIMB di sostituire con prontezza l’uscita di clienti di banda digitale attraendo nuovi fornitori di contenuti su piattaforma televisiva digitale terrestre e valorizzando al meglio la capacità trasmissiva dei propri Multiplex digitali". Secondo le tv locali, invece, si tratta del primo effetto del divieto di veicolare contenuti tv nazionali su network provider consortili di tv locali introdotto dalla legge di Stabilità. (M.L. per NL)
29/01/2011 10:54
 
NOTIZIE CORRELATE
Il Consiglio dei Ministri, riunitosi in data odierna, 24/03/2017, ha approvato, in esame preliminare, il nuovo Regolamento ai sensi della Legge 28/12/2015, n. 208 (legge di stabilità 2016) per la disciplina relativa ai contributi pubblici a sostegno delle emittenti televisive e radiofoniche locali.
Il Ministero dello Sviluppo Economico sta inviando  ai titolari delle autorizzazioni per la fornitura di servizi di media audiovisivi per la diffusione in tecnica digitale su frequenze televisive terrestri in ambito nazionale e locale un avviso con il quale ricorda che sono in scadenza le autorizzazioni rilasciate dal Ministero nel 2005 (ovviamente l’invio è progressivo e quindi riguarderà poi quelle rilasciate negli anni successivi).
Il lento convoglio delle misure di sostegno alle emittenti TV locali per il 2015 ha superato un’altra stazione. Lo fa sapere a questo periodico Confindustria Radio Televisioni, spiegandoci che “l’INPGI ha comunicato di aver inviato al Mise venerdì u.s. una prima tranche delle certificazioni di regolarità contributiva relative ai giornalisti in forza alle aziende. L’ente ha informato che una ulteriore tranche sarà trasmessa al Mise presumibilmente nella settimana corrente”.
Continua la pubblicazione da parte del Ministero dello Sviluppo Economico degli aggiornamenti alle graduatorie regionali relative ai fornitori di servizi di media audiovisivi, per il servizio televisivo digitale terrestre, oggetto dal Bando del 02/05/2016.
I ritardi nell’erogazione delle misure di sostegno per le TV locali si accumulano come quelli di convogli nell’eventualità di un guasto ferroviario.