Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
DTT: inizia il “secondo switch-off”
Sono stati trasmessi dal Ministero dello Sviluppo Economico – Dipartimento Comunicazioni i cluster per le operazioni di spegnimento e transizione, in attuazione della delibera Agcom 265/12/CONS e dei bandi pubblicati lo scorso 5 settembre ai sensi dell’art. 4 del D.L. 34/2011, convertito nella L. 75/2011.
Nella nota trasmessa dal Dicastero alle emittenti che hanno partecipato ai citati bandi - emanati per le Regioni Lombardia, Piemonte, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Trentino Alto Adige, Emilia Romagna, Lazio (esclusa provincia di Viterbo) e Campania - viene precisato che le operazioni di spegnimento e transizione riguarderanno solo i soggetti titolari di frequenze non pianificate dalla richiamata delibera 265/12/CONS, nonchè i soggetti che si collocheranno in posizione non utile nelle graduatorie delle procedure dei bandi in questione. Si attende ora la pubblicazione delle graduatorie regionali (che dovrebbe avvenire nella giornata di domani). Successivamente, riporta la nota ministeriale, verrà inviato il “master plan contenente l’elenco dettagliato degli impianti per singolo giorno di spegnimento/transizione nonché le date”. Le operazioni di spegnimento/transizione, che saranno monitorate dagli Ispettorati Territoriali competenti, prevedono tra l’altro uno scambio di comunicazioni tra emittenti e MSE, con sms ed e-mail, al fine di fornire informazioni in tempo reale ai cittadini. (D.A. per NL)
29/11/2012 16:37
 

Il Ministero chiudera' un sacco di emittenti televisive

Con questa bella pagina di alta professionalita' il Governo Monti saluta il 2012 con una mattanza assurda di molte emittenti televisive locali che ingiustamente dovranno spegnere gli impianti perche' le frequenze su cui due anni fa hanno investito centinaia di migliaia di euro sono state vendute alle compagnie telefoniche! Io non so chi sia il giornalista che si occupa di questo sito, ma a nessuno e' venuto in mente che e' ASSURDO che il destino delle emittenti sia in mano al Ministero? Funzionari del Ministero hanno deciso di accorpare in consorzi obbligati emittenti televisive con la stessa frequenza (quando le emittenti su quella frequenza ce le ha messe il Ministero nel 2010 !). Molte emittenti avevano gia' studiato delle intese con altre TV, ma tutto e' stato mandato a rotoli! Vi sembra giusto che il destino di un'azienda sia nelle mani del Ministero che ha scelto per lui con chi gareggiare? VI SEMBRA GIUSTO? Perche' non fate un articolo in questo senso? Io non capisco piu' nulla... Intanto i grandi si arricchiscono, emittenti provinciali che ''miracolosamente'' nel 2010 sono diventate regionali hanno rottamato 6 mesi dopo e si sono intascate 5milioni di euro... bel paese ( P minuscola ) in nostro. Addio tv locali... chi ci smenera' saranno solo ed esclusivamente quelle piu' piccole che fanno davvero servizio locale e che non potranno permettersi il lusso di pagare cifre (imposte da Agcom) per continuare a trasmettere sui mux dei superstiti.
NOTIZIE CORRELATE
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Seguendo un trend ormai consolidato che vede l'integrazione delle piattaforme distributive dei contenuti radiofonici anche sui device tv (smart e DTT) in considerazione che la maggioranza degli utenti non dispone più di apparati riceventi FM casalinghi (sicché la fruizione domestica del medium può avere luogo solo attraverso tv, pc o smartphone), Radio Sportiva sbarca sul digitale televisivo terrestre.
Sony approda sulla tv italiana free to air: è recente l’annuncio, infatti, del raggiungimento di un accordo con la TBS di Costantino Federico per la cessione degli lcn 45 e 55, qui quali probabilmente andranno Axn ed Axn Sci-Fi.
A seguito di verifiche effettuate il Ministero dello Sviluppo Economico ha pubblicato gli elenchi aggiornati degli ammessi alla procedura di selezione comparativa per l'assegnazione delle frequenze in onde medie asincrone e sincrone prevista dalla Delibera 3/16/CONS.
Secondo quanto riportato dal Sole24ore, Viacom Networks sarebbe intenzionata a riportare Mtv sul digitale terrestre. Il canale prescelto dovrebbe essere il numero 49, ora di proprietà del gruppo americano Scripps Networks, il quale intenderebbe spostare il proprio business sul LCN 33 (rilevato la scorsa estate dalla sfortunata Agon Channel).