Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
DTT, interferenze internazionali: Governo vuole aumentare stanziamento indennizzi tv locali. Ma di quanto non si sa
 
Per evitare un'incontrollabile deriva giudiziaria della vicenda delle interferenze internazionali, Il Governo intenderebbe aumentare il fondo di 20 mln di euro previsto per l’indennizzo alle emittenti locali che dovranno liberare le frequenze oggetto di perturbazioni alle trasmissioni dei Paesi confinanti entro il 31/12/2014.
Ora il punto da sciogliere è di quanto sarà aumentato lo stanziamento, posto che per renderlo congruente con gli investimenti effettuati dagli operatori sulla base delle assegnazioni frequenziale ministeriali (spesso ventennali) - cirostanza che comporta una responsabilità piena da parte dello Stato sulla problematica, con conseguente esposizione ad eventuali azioni giudiziarie di natura risarcitoria - esso andrebbe almeno triplicato. Stante l'indisponibilità di risorse economiche, è tuttavia lecito attendersi una proposta di aumento che non superi complessivamente i 30/40 mln di euro, cifra che non metterebbe comunque al riparo il Ministero dai ricorsi da parte degli operatori che li ritenessero insufficienti. Ad ogni buon conto, sul punto, il ministro per le Riforme costituzionali e Rapporti con il Parlamento, Maria Elena Boschi, in occasione di un’interrogazione di Davide Caparini (Lega Nord) rivolta al ministero dello Sviluppo Economico si è così espressa: «La legge prevede che l’Agcom escluda dalla pianificazione delle frequenze per il digitale terrestre quelle già assegnate ad altri Paesi, pur utilizzate da operatori italiani, per evitare i rischi di procedure d’infrazione da parte dell’Europa. Francia, Slovenia, Croazia e Malta hanno segnalato il problema. Per porvi rimedio, è prevista la liberazione delle frequenze in base a criteri concordati con gli operatori del settore: dal 6 novembre sul sito del MiSe è stata attivata una consultazione pubblica per individuare le modalità, a fronte di un indennizzo economico per gli operatori». (M.L. per NL)
14/11/2014 10:03
 

Interferenze internazionali. L'imboscata non dice nulla

La ministra imboscata nel suo intervento non ha detto nulla. E' proprio renziana. D'altra parte si è capito che non ne sapeva proprio un bel niente (d'altra parte se non fosse cosi' mica diventava ministro....). Non ha detto la parte essenziale: il Ministero e Agcom hanno volutamente assegnato le frequenze da spegnere ai soggetti che sarebbero stati meno in grado di protestare. A quelli che non hanno mica delle tv, magari con 6 canali ciascuno per poter far sentire chiara e forte la loro protesta..... Ah, scusate, ce li hanno, ma allora perche' non li usano?

sabato100

NOTIZIE CORRELATE
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Seguendo un trend ormai consolidato che vede l'integrazione delle piattaforme distributive dei contenuti radiofonici anche sui device tv (smart e DTT) in considerazione che la maggioranza degli utenti non dispone più di apparati riceventi FM casalinghi (sicché la fruizione domestica del medium può avere luogo solo attraverso tv, pc o smartphone), Radio Sportiva sbarca sul digitale televisivo terrestre.
Sony approda sulla tv italiana free to air: è recente l’annuncio, infatti, del raggiungimento di un accordo con la TBS di Costantino Federico per la cessione degli lcn 45 e 55, qui quali probabilmente andranno Axn ed Axn Sci-Fi.
Secondo quanto riportato dal Sole24ore, Viacom Networks sarebbe intenzionata a riportare Mtv sul digitale terrestre. Il canale prescelto dovrebbe essere il numero 49, ora di proprietà del gruppo americano Scripps Networks, il quale intenderebbe spostare il proprio business sul LCN 33 (rilevato la scorsa estate dalla sfortunata Agon Channel).
Nessun cambio di orientamento della DGSCERP del Ministero dello Sviluppo Economico a riguardo dell’affitto di ramo d’azienda di un'autorizzazione di fornitura di servizi di media audiovisivi con annesso logical channel number (LCN).