Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
DTT, interferenze internazionali. Lega: Governo vuole scippare frequenze a locali. Proroga 4 mesi liberazione canali
 
"L'obiettivo del governo è dar luogo a un'ulteriore diversa destinazione delle frequenze (del dividendo interno, ndr)" da destinare alle tv locali nonostante molte emittenti vi dovranno rinunciare perché trasmettono su frequenze che interferiscono con quelle dei paesi confinanti.
E' il deputato della Lega Nord Davide Caparini, responsabile comunicazione del Carroccio, a sottolinearlo all'Adnkronos in riferimento all'emendamento alla legge di Stabilità che prevede di riservare due frequenze della banda 700 megahertz alla trasmissione di contenuti locali. Le frequenze saranno assegnate con bando a favore degli operatori di rete e non assegnate direttamente alle emittenti. "Si vogliono ulteriormente sottrarre frequenze: è questo l'obiettivo", attacca Caparini. Con l'emendamento del governo sono stati anche aumentati i fondi destinati all'indennizzo per la liberazione delle frequenze, 51 milioni rispetto ai 20 gia' assegnati, mentre - come anticipato per primo da questo periodico - slitta a fine aprile il termine precedentemente indicato al 31 dicembre per 'abbandonare' le frequenze, 76 in tutto secondo i calcoli delle associazioni delle emittenti. "L'emittenza locale negli ultimi anni è stata ampiamente incentivata alla rottamazione e si continua in questa direzione. Questo va a discapito del pluralismo dell'informazione dove la realtà locale è la parte di maggior rilievo visto che da lì proviene il 50% dei contenuti", conclude Caparini. (E.G. per NL)
28/11/2014 09:36
 
NOTIZIE CORRELATE
Il Consiglio dei Ministri, riunitosi in data odierna, 24/03/2017, ha approvato, in esame preliminare, il nuovo Regolamento ai sensi della Legge 28/12/2015, n. 208 (legge di stabilità 2016) per la disciplina relativa ai contributi pubblici a sostegno delle emittenti televisive e radiofoniche locali.
Il Ministero dello Sviluppo Economico sta inviando  ai titolari delle autorizzazioni per la fornitura di servizi di media audiovisivi per la diffusione in tecnica digitale su frequenze televisive terrestri in ambito nazionale e locale un avviso con il quale ricorda che sono in scadenza le autorizzazioni rilasciate dal Ministero nel 2005 (ovviamente l’invio è progressivo e quindi riguarderà poi quelle rilasciate negli anni successivi).
Il lento convoglio delle misure di sostegno alle emittenti TV locali per il 2015 ha superato un’altra stazione. Lo fa sapere a questo periodico Confindustria Radio Televisioni, spiegandoci che “l’INPGI ha comunicato di aver inviato al Mise venerdì u.s. una prima tranche delle certificazioni di regolarità contributiva relative ai giornalisti in forza alle aziende. L’ente ha informato che una ulteriore tranche sarà trasmessa al Mise presumibilmente nella settimana corrente”.
Continua la pubblicazione da parte del Ministero dello Sviluppo Economico degli aggiornamenti alle graduatorie regionali relative ai fornitori di servizi di media audiovisivi, per il servizio televisivo digitale terrestre, oggetto dal Bando del 02/05/2016.
I ritardi nell’erogazione delle misure di sostegno per le TV locali si accumulano come quelli di convogli nell’eventualità di un guasto ferroviario.