Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
DTT. L'asta per il dividendo interno incassa già un mezzo sì dalla UE
E' troppo presto per parlare di una via libera della Commissione Ue al decreto per la messa all'asta delle frequenze Tv. Ma fonti della stessa hanno fatto sapere oggi che le grandi linee del nuovo percorso, viste finora, appaiono "positive".
Nulla è trapelato circa i recenti colloqui telefonici tra il commissario alla concorrenza, Joaquin Almunia, e il ministro dello Sviluppo Economico, Corrado Passera. I servizi dell'esecutivo europeo, che ormai da anni seguono il dossier del cosiddetto beauty contest, stanno studiano le informazioni finora ricevute. "I contatti continuano, aspettiamo altri dettagli", hanno assicurato queste fonti. La posizione ufficiale della Commissione potrebbe arrivare molto presto, anche nell'arco di pochi giorni. Il Governo Monti ha ormai deciso: azzererà il beauty contest, ovvero l'assegnazione gratuita dei canali televisivi scritta dal Governo Berlusconi, e per decreto lancerà la nuova asta a pagamento. Il decreto legge potrebbe essere approvato già domani anche se al momento non è all'ordine del giorno del Consiglio dei ministri.  Se non entrerà all'ultimo minuto in Cdm, il decreto sarà approvato la prossima settimana. Le frequenze saranno divise in due pacchetti: tre o quattro saranno assegnati per un lungo periodo agli operatori televisivi, altrettanti resteranno nelle loro mani solo per 3 anni e poi dovranno essere restituite allo Stato. Ma una mozione del Pd, a firma dei deputati Vinicio Peluffo, Michele Meta, Sandra Zampa e Paolo Gentiloni, depositata oggi alla Camera, ritiene inaccettabile che le frequenze destinate agli operatori della telefonia mobile siano espropriate solo alle emittenti locali; la riduzione deve essere corretta in questo modo: un terzo a carico delle tv locali e due terzi a carico di quelle nazionali. E nelle aree del Paese dove ciò non è possibile, la proporzione deve essere ripristinata assegnando alle emittenti locali parte delle frequenze non più destinate al beauty contest. Le oltre 600 tv locali italiane, affermano Peluffo e Meta, svolgono un servizio prezioso garantendo ogni giorno un'informazione pluralista e legata al territorio, inoltre rappresentano una realtà industriale che non ha eguali in Europa. Penalizzarle sarebbe miope.  "Per questo chiediamo, in aggiunta, che i risarcimenti destinati alle tv espropriate, già di per sé insufficienti a ripagare le emittenti degli investimenti per la digitalizzazione delle reti, siano almeno completamente defiscalizzati e proporzionati alle reali dimensioni d'impresa di ogni singola emittente", precisano Peluffo e Meta. Gli analisti di S&P Equity Research, nel confermare ieri il rating strong sell e il target price a 1,6 euro su Mediaset (-0,55% a 1,8090 euro in Borsa), parlando proprio dell'asta competitiva per le frequenze televisive, hanno detto di aspettarsi un incasso di 1-1,4 miliardi in tre anni e che Mediaset dovrà pagare circa 100-150 milioni di euro l'anno per le frequenze, pari a un incremento quindi del 5-7% dei suoi costi televisivi totali in Italia che andrebbe a deprimere i margini del gruppo. Le stime di S&P non sono lontane da quelle di Mediobanca (1-1,2 miliardi), stime che ieri il consigliere di amministrazione di Mediaset, Gina Nieri, ha giudicato "un'esagerazione". Non si capisce, ha detto, "che cosa siano questi pacchetti", ha spiegato Nieri. "La nostra azienda ritiene di avere il diritto acquisito con il beauty contest che era alle ultime battute controfirmato dall'Europa. Per questo abbiamo fatto ricorso al Tar sull'atto di sospensione". (Tiscali)
13/04/2012 09:29
 
NOTIZIE CORRELATE
Nessun cambio di orientamento della DGSCERP del Ministero dello Sviluppo Economico a riguardo dell’affitto di ramo d’azienda di un'autorizzazione di fornitura di servizi di media audiovisivi con annesso logical channel number (LCN).
Attraverso la delibera Agcom 40/17/CONS, l’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni ha disposto la sospensione del processo di implementazione dei cambi programmati di risorse frequenziali previsti dei vigenti Piani nazionali di assegnazione delle frequenze per il servizio televisivo terrestre in tecnica digitale, nelle more della ripianificazione complessiva delle risorse destinate al servizio di radiodiffusione sonora e televisiva.
Valorizzare gli ascolti in netta crescita e migliorare il fatturato: questo è l’obbiettivo di Urbano Cairo per quanto riguarda il 2017.
Ovviamente non ci riferiamo alle nazionali, che in gran parte già presidiano la piattaforma digitale terrestre, quand'anche col solo flusso audio, ma alle superstation, alle radio interregionali e alle prime radio regionali o metropolitane.
Siamo al delirio: per (tentare di) risolvere il problema dell'insufficienza delle frequenze per lo sviluppo della radiodiffusione sonora in tecnica digitale terrestre (DAB+), Giacomelli inventa la riassegnazione della banda VHF aprendo la porta ad un ginepraio di ricorsi giudiziari da parte di network provider DTT che nell'ultimo quadrimestre 2016 si sono visti assegnare proprio le frequenze che lui vorrebbe ora ridistribuire.