Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
DTT. La crisi di Dahlia Tv si aggrava e si riverbera sui telespettatori
L'assemblea dei soci dell'emittente televisiva Dahlia Tv che detiene i diritti per la trasmissione delle partite di Cagliari, Catania, Cesena, Chievo, Lecce, Parma, Sampdoria e Udinese, ma anche i diritti per la trasmissione degli incontri della Serie B sul digitale terrestre, ha deciso di chiudere l'attività con effetto immediato.
Secondo quanto ha dichiarato all'ANSA l'amministratore delegato di Ti Media, Giovanni Stella, "Telecom Italia Media e Filmmaster hanno proposto una sospensione di due giorni di questa decisione per dare alla Lega il tempo necessario per predisporre una richiesta compiuta e concreta ma Airplus, l'azionista di maggioranza, non ha voluto fare la sua parte di sacrifici". Sospensione immediata delle trasmissioni, con grave danno soprattutto (ed esclusivamente) per i telespettatori. Come si legge sul sito della Gazzetta dello Sport "Due giorni di uso della banda larga costano circa 150.000 euro a cui si sommano circa 50.000 euro del prezzo dei servizi di Filmmaster. I due soci hanno chiesto al socio svedese (che detiene l'80% del capitale dell'emittente) di contribuire proporzionalmente, versando cioè in contanti nelle casse di Dahlia circa 800 mila euro". Ora il pallino della situazione è nelle mani di Airplus, che però si è detto disponibile a mettere solo 40.000 euro e, come ha ribadito Stella, "Telecom e Filmmaster non hanno potuto ovviamente accettare questa controfferta. Il liquidatore aveva chiesto un segno di attenzione che Airplus non ha voluto dare e ora, entro brevissimo, le trasmissioni verranno chiuse". La prima conseguenza (e forse anche la più importante) è che già le partite in programma domani 2 febbraio rischiano di non essere trasmesse a meno che la Lega Calcio non si inventi qualcosa. Difficile, comunque, che possa farlo in appena 24 ore. Più facile che la situazione si risolva nelle prossime settimane, magari vendendo i diritti delle squadre a Mediaset. Molto più delicata la situazione per le partite della Serie B. Intanto i grandi settimanali d’informazione radio televisiva e tra questi “Di Più Tv” in edicola oggi hanno provveduto a togliere i palinsesti delle reti: Dahlia Sport 2, Dahlia Xtreme, Dahlia Explorer. (R.R. per NL)
01/02/2011 20:47
 
NOTIZIE CORRELATE
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Seguendo un trend ormai consolidato che vede l'integrazione delle piattaforme distributive dei contenuti radiofonici anche sui device tv (smart e DTT) in considerazione che la maggioranza degli utenti non dispone più di apparati riceventi FM casalinghi (sicché la fruizione domestica del medium può avere luogo solo attraverso tv, pc o smartphone), Radio Sportiva sbarca sul digitale televisivo terrestre.
Sony approda sulla tv italiana free to air: è recente l’annuncio, infatti, del raggiungimento di un accordo con la TBS di Costantino Federico per la cessione degli lcn 45 e 55, qui quali probabilmente andranno Axn ed Axn Sci-Fi.
Secondo quanto riportato dal Sole24ore, Viacom Networks sarebbe intenzionata a riportare Mtv sul digitale terrestre. Il canale prescelto dovrebbe essere il numero 49, ora di proprietà del gruppo americano Scripps Networks, il quale intenderebbe spostare il proprio business sul LCN 33 (rilevato la scorsa estate dalla sfortunata Agon Channel).
Nessun cambio di orientamento della DGSCERP del Ministero dello Sviluppo Economico a riguardo dell’affitto di ramo d’azienda di un'autorizzazione di fornitura di servizi di media audiovisivi con annesso logical channel number (LCN).