Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
DTT, LCN. Ecco il regolamento Agcom. A Tv locali segmenti 10-19 e 71-100, insieme a medesimi blocchi secondo e terzo arco numerazione e interamente settimo arco

Attenzione: per visualizzare la notizia è necessario abbonarsi al S.I.T. di Consultmedia.

Per informazioni sulle modalità di abbonamento clicca qui.

15/07/2010 16:04
 

Rossignoli è soddisfatto??!!!!!!

Sorrido, per non dire altro, all'idea di vedere l'Avv. Rossignoli sornione e soddisfatto per l'ultima eresia del'Agcom.
Qualcuno si è soffermato a pensare ai conflitti di attribuzione che si verranno a creare nelle zone al confine tra area tecnica 3 e area tecnica 1?

Aboliamo l'LCN

Visto che non va mai bene niente a prescindere, allora aboliamo l' LCN e ognuno passerà mezz'ora, se non di più, a sistemare la lista canali ad ogni risintonizzazione...a me sembrano tutte lamentele per "partito" preso 

President Jackson

Io spero che me la cavo

Infatti, anch'io, da editore locale, sono rimasto sorpreso dalle dichiarazioni. Hanno stabilito la morte delle emittenti locali, prima con un piano delle frequenze che ha assegnato il meglio del meglio alle nazionali lasciando il peggio alle locale (anche quelle che oggi hanno canali invidiabili) e adesso hanno graziato solo dieci di noi per ogni regione. Da un giro di telefonate fatte tra i colleghi non ho assaporato tutta questa felicità. Però è anche vero che (tranne i più piccoli) ciascuno di noi, in cuor suo, pensa di entrare tra i dieci vincitori del lotto 10-20 e che gli altri finiscano nel 70-100. E allora andrebbe bene, anzi benissimo. Nel nostro settore, del resto, ha sempre funzionato così.
 
Luigi
NOTIZIE CORRELATE
Il Consiglio dei Ministri, riunitosi in data odierna, 24/03/2017, ha approvato, in esame preliminare, il nuovo Regolamento ai sensi della Legge 28/12/2015, n. 208 (legge di stabilità 2016) per la disciplina relativa ai contributi pubblici a sostegno delle emittenti televisive e radiofoniche locali.
Agcom diffida Wind e Tre (recentemente fusesi in un’unica società) dal consentire agli utenti l’utilizzo di due servizi streaming di proprietà senza consumare il traffico dati previsto dal piano di abbonamento.
Il Ministero dello Sviluppo Economico sta inviando  ai titolari delle autorizzazioni per la fornitura di servizi di media audiovisivi per la diffusione in tecnica digitale su frequenze televisive terrestri in ambito nazionale e locale un avviso con il quale ricorda che sono in scadenza le autorizzazioni rilasciate dal Ministero nel 2005 (ovviamente l’invio è progressivo e quindi riguarderà poi quelle rilasciate negli anni successivi).
Il lento convoglio delle misure di sostegno alle emittenti TV locali per il 2015 ha superato un’altra stazione. Lo fa sapere a questo periodico Confindustria Radio Televisioni, spiegandoci che “l’INPGI ha comunicato di aver inviato al Mise venerdì u.s. una prima tranche delle certificazioni di regolarità contributiva relative ai giornalisti in forza alle aziende. L’ente ha informato che una ulteriore tranche sarà trasmessa al Mise presumibilmente nella settimana corrente”.
Continua la pubblicazione da parte del Ministero dello Sviluppo Economico degli aggiornamenti alle graduatorie regionali relative ai fornitori di servizi di media audiovisivi, per il servizio televisivo digitale terrestre, oggetto dal Bando del 02/05/2016.