Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
DTT: lo spirito sinergico si conclama nella Rete Digitale Nazionale, che veicolerà il meglio delle più grandi emittenti locali italiane
Le società editrici di Telelombardia, VideoGruppo, Telenord, Antennatre Nordest, Rete 8, TeleNorba, Teleoggi-Canale 9 e Antenna Sicilia, hanno costituito a Milano, ne giorni scorsi, la società consortile Rete Digitale Nazionale.
Il nuovo soggetto giuridico attingerà alla capacità trasmissiva dei soci (al momento accessibile in Lombardia, Piemonte, Liguria, Veneto, Friuli, Abruzzo, Molise, Puglia, Basilicata, Campania e Sicilia) per veicolare un prodotto digitale comune costituito dal meglio delle singole produzioni. Così Sandro Parenzo, editore di Telelombardia e Videogruppo (ma anche di Antenna 3 Lombardia e Canale 6): “Abbiamo costituito, al pari delle principali reti nazionali, uno dei più importanti soggetti per copertura, disponibilità e qualità della capacità trasmissiva, infrastrutture e potenzialità economica, in grado di svolgere un primario ruolo fra gli operatorI di rete”. Aggiunge Angela Ciancio di Antenna Sicilia: “Le grandi TV regionali e areali, con strutture di produzione tecnologicamente avanzate che danno lavoro a circa 2000 persone, con un giro d’affari di oltre 100 milioni di euro, sono pronte ad avviare una serie di iniziative per garantire la libera concorrenza e la libertà di espressione”. “E’ ovvio che se non verranno accolte le nostre legittime istanze siamo pronti a ricorrere anche alle competenti autorità della Comunità Europea per salvaguardare e garantire in ogni sede l’indipendenza, la continuità, lo sviluppo e il fondamentale ruolo istituzionale che da oltre 30 anni le nostre aziende svolgono nei rispettivi territori , garantendo pluralità di informazione in Italia”, conclude Luca Montrone, patron di Telenorba, la più famosa tv locale del sud Italia. Ora è auspicabile che anche altri soggetti seguano il virtuoso esempio della RDN. (A.M. per NL)
 
 
 
 
17/07/2010 08:04
 
NOTIZIE CORRELATE
Il Consiglio dei Ministri, riunitosi in data odierna, 24/03/2017, ha approvato, in esame preliminare, il nuovo Regolamento ai sensi della Legge 28/12/2015, n. 208 (legge di stabilità 2016) per la disciplina relativa ai contributi pubblici a sostegno delle emittenti televisive e radiofoniche locali.
Il Ministero dello Sviluppo Economico sta inviando  ai titolari delle autorizzazioni per la fornitura di servizi di media audiovisivi per la diffusione in tecnica digitale su frequenze televisive terrestri in ambito nazionale e locale un avviso con il quale ricorda che sono in scadenza le autorizzazioni rilasciate dal Ministero nel 2005 (ovviamente l’invio è progressivo e quindi riguarderà poi quelle rilasciate negli anni successivi).
Il lento convoglio delle misure di sostegno alle emittenti TV locali per il 2015 ha superato un’altra stazione. Lo fa sapere a questo periodico Confindustria Radio Televisioni, spiegandoci che “l’INPGI ha comunicato di aver inviato al Mise venerdì u.s. una prima tranche delle certificazioni di regolarità contributiva relative ai giornalisti in forza alle aziende. L’ente ha informato che una ulteriore tranche sarà trasmessa al Mise presumibilmente nella settimana corrente”.
Continua la pubblicazione da parte del Ministero dello Sviluppo Economico degli aggiornamenti alle graduatorie regionali relative ai fornitori di servizi di media audiovisivi, per il servizio televisivo digitale terrestre, oggetto dal Bando del 02/05/2016.
I ritardi nell’erogazione delle misure di sostegno per le TV locali si accumulano come quelli di convogli nell’eventualità di un guasto ferroviario.