Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
DTT, Milano. L’antennista gratuito esiste: è uno studente-tecnico e riporta ordine tra i canali
Paese che vai, televisione che trovi. La nostra non era neppure male, almeno fino a che le trasmissioni digitali non hanno preso (malamente) il sopravvento su quelle analogiche (che avevano raggiunto un loro equilibrio).
A quel punto la popolazione ha dato chiaro segno di scontento generale: chi vedeva i programmi in un ordine completamente nuovo, chi non vedeva nemmeno l’ordine completamente nuovo, chi addirittura sostituiva sovente i decoder (telespettatori anziani soprattutto) convinto che il problema si celasse negli apparecchi (e per questo l’associazione DGTVi dovrebbe sentirsi, almeno in parte, colpevole, per aver bollato anche decoder incredibilmente scadenti). Ora che ci avviamo, almeno in Lombardia, alla conclusione di questo drammatico processo, arrivano degli aiuti gratuiti. Meglio tardi che mai, dirà qualcuno, ben consapevole di quanto finora molti antennisti abbiano giocato con la popolazione italiana, facendole credere che l’antenna sul tetto di casa propria andasse sostituita. Ma le cose cambiano a Milano, dove il sindaco Moratti avrebbe messo a disposizione un’ottantina di persone tra studenti e tecnici e ben due numeri di telefono per l’assistenza gratuita (02.0202 e 800.777.888 – numerazioni semplici, almeno in questo caso). Chiunque lo desiderasse potrà ora chiamare e chiedere che fine abbiano fatto i propri programmi preferiti. E al contempo farsi suggerire qualche trucco per un utilizzo corretto del proprio ricevitore digitale terreste. Ma niente panico: dal Ministero dello Sviluppo Economico – Comunicazioni promettono (come si fa in questo caos?) che per metà dicembre tutto tornerà alla normalità. Meglio telefonare. (M.M. per NL)
06/12/2010 14:14
 
NOTIZIE CORRELATE
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Seguendo un trend ormai consolidato che vede l'integrazione delle piattaforme distributive dei contenuti radiofonici anche sui device tv (smart e DTT) in considerazione che la maggioranza degli utenti non dispone più di apparati riceventi FM casalinghi (sicché la fruizione domestica del medium può avere luogo solo attraverso tv, pc o smartphone), Radio Sportiva sbarca sul digitale televisivo terrestre.
Sony approda sulla tv italiana free to air: è recente l’annuncio, infatti, del raggiungimento di un accordo con la TBS di Costantino Federico per la cessione degli lcn 45 e 55, qui quali probabilmente andranno Axn ed Axn Sci-Fi.
Secondo quanto riportato dal Sole24ore, Viacom Networks sarebbe intenzionata a riportare Mtv sul digitale terrestre. Il canale prescelto dovrebbe essere il numero 49, ora di proprietà del gruppo americano Scripps Networks, il quale intenderebbe spostare il proprio business sul LCN 33 (rilevato la scorsa estate dalla sfortunata Agon Channel).
Nessun cambio di orientamento della DGSCERP del Ministero dello Sviluppo Economico a riguardo dell’affitto di ramo d’azienda di un'autorizzazione di fornitura di servizi di media audiovisivi con annesso logical channel number (LCN).