Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
DTT: outsider crescono nella raccolta del primo trimestre. Giù tutti i superplayer, con in testa La7 (quasi -11%)

Irrefrenabile la crescita dei prodotti più innovativi ideati dai gruppi Discovery e Viacom nel segmento generalista del DTT. E non solo in tema di ascolti, ma anche di ricavi pubblicitari.
E ciò in barba ai poco reattivi superplayer che, nonostante le perfomance positive in termini di fruizione del pubblico, segnano dati negativi nella raccolta nei primi tre mesi del 2015. In generale, al contrario del medium radiofonico, in fortissima ripresa (+7,7% a marzo), il DTT continua a scendere rispetto ai già scarsi indici del 2014, lasciando sul terreno il 2% del fatturato. A registrare il calo più forte è La7 del gruppo Cairo, che, forse anche per via delle tensioni interne, ha registrato un pesantissimo -10,9%, passando da 41,5 mln a 36,9 mln di fatturato. Male, anche se in misura sensibilmente minore, RAI (-5,4%, da 219,4 mln a 217,6 mln), Sky (-5,3%, da 103,3 mln a 97,8 mln) e Mediaset (-1,6%). Segno positivo invece per Mtv (Viacom) e Discovery. La prima ha registrato un incremento del 16,1%, passando da una raccolta pari a 12,9 mln a 15 mln di euro. Per Discovery la crescita è del 25,9%, da 38,3 a 48,2 mln, grazie anche all'acquisizione dello strategico LCN 9 (DeeJay Tv). Indice che la platea cerca innovazione di contenuti. (E.G. per NL)
14/05/2015 08:26
 
NOTIZIE CORRELATE
In Germania scoppia la bufera tra politica e imprenditori del settore pubblicitario: per quanto i numeri siano ottimi, se si pensa che nel 2016 vennero investiti fino a 45 miliardi di euro in pubblicità, guardati con maggiore attenzione, i risultati pervenuti dalle analisi dello scorso anno, secondo Andreas Schubert, presidente della Zentralverband der deutschen Werbewirtschaft (Zaw, cioè l’associazione centrale dell’economia pubblicitaria tedesca), essi potrebbero essere ancora più prominenti e a favore di un’economia in crescita, ma ad oggi non è ancora così.
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Seguendo un trend ormai consolidato che vede l'integrazione delle piattaforme distributive dei contenuti radiofonici anche sui device tv (smart e DTT) in considerazione che la maggioranza degli utenti non dispone più di apparati riceventi FM casalinghi (sicché la fruizione domestica del medium può avere luogo solo attraverso tv, pc o smartphone), Radio Sportiva sbarca sul digitale televisivo terrestre.
Pubblicità attraverso gli influencer: chi, tra i volti più noti al pubblico (non necessariamente per mezzi diversi da quelli online), si scatta una foto (il cosiddetto selfie) o si fa fotografare con un prodotto o un marchio ben visibile fa pubblicità a questo, utilizzando la propria immagine che per via della sua fama, produce un istintivo rapporto di fiducia per i suoi fan, fungendo da cassa di risonanza per il prodotto o brand in questione.
Da ieri Discovery ha un nuovo organigramma. Marinella Soldi, che rimane president and managing Sud Europa (Italia, Spagna, Portogallo e Francia), sarà supportata nel mercato italiano dal general manager Alessandro Araimo, precedentemente chief operating officer di tutta l’area South Europe.