Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
DTT: partito lo switch-off nell'Area Tecnica 3, il MSE lancia la campagna informativa e di supporto economico per 22 mln di italiani interessati
Oltre 22 milioni di abitanti, 2.475 comuni e 3.772 impianti di emittenti nazionali e locali. Sono i numeri del passaggio al digitale nel Nord Italia che, fino al 26 novembre, interesserà il Piemonte orientale, la Lombardia e le province di Parma e Piacenza.
Nella sola giornata odierna la transizione ha interessato 20 comuni della provincia di Vercelli, pari a 16 mila abitanti, e 67 impianti. Per agevolare lo switch off ed aiutare i cittadini a familiarizzare con la nuova tecnologia, il Ministero dello Sviluppo Economico ha realizzato una serie di iniziative di natura, finanziaria, organizzativa e di comunicazione, predisponendo un programma di interventi a favore dei cittadini.  Più in particolare, è stato disposto un contributo statale, dell'importo di 50 euro, per l'acquisto di un decoder digitale interattivo, per i cittadini in regola con l'abbonamento RAI, reddito pari o inferiore a 10 mila euro e età pari o superiore a 65 anni, utilizzabile presso tutti i rivenditori che aderiscono all'iniziativa (202 in Piemonte, 158 in Lombardia e 55 in Emilia Romagna). Ai cittadini basterà fornire il codice fiscale al rivenditore che, in via telematica, provvederà a verificare il possesso dei requisiti richiesti (residenza, reddito, età, abbonamento Rai) e a concedere lo sconto. È inoltre attivo un call center gratuito del Ministero (numero verde 800.022.000, dal lunedì al sabato) per fornire ogni informazione sul passaggio, incluse le procedure di sintonizzazione dei decoder. Tutte le informazioni, con l'elenco dei modelli di apparecchi testati (109 decoder interattivi, 34 decoder non interattivi e 501 televisori integrati) sono inoltre disponibili sul sito www.decoder.comunicazioni.it. La campagna di comunicazione del Ministero dello Sviluppo Economico prevede inoltre un 'road show' in tutti in tutti i capoluoghi di provincia delle regioni coinvolte nella transizione di sistema con la presenza di un furgone dotato di personale specializzato e delle necessarie apparecchiature per la dimostrazione pratica della sintonizzazione dei programmi. Gli stessi tecnici forniranno ai cittadini informazioni sui requisiti per ottenere il contributo statale per l'acquisto dei decoder e provvederanno alla distribuzione di materiale informativo. La mascotte dell'intero tour sarà "Nando il telecomando", che accompagnerà l'intero passaggio alla tv digitale, dalla tv al manifesto, dalla stampa alla radio, fino a diventare un personaggio vero e proprio del road show. Ecco le prossime tappe del tour: 25 ottobre Alessandria;  26 ottobre Biella;  27 ottobre Asti;  28 ottobre Vercelli;  29 ottobre Novara.
 
25/10/2010 20:31
 
NOTIZIE CORRELATE
Il Consiglio dei Ministri, riunitosi in data odierna, 24/03/2017, ha approvato, in esame preliminare, il nuovo Regolamento ai sensi della Legge 28/12/2015, n. 208 (legge di stabilità 2016) per la disciplina relativa ai contributi pubblici a sostegno delle emittenti televisive e radiofoniche locali.
Il lento convoglio delle misure di sostegno alle emittenti TV locali per il 2015 ha superato un’altra stazione. Lo fa sapere a questo periodico Confindustria Radio Televisioni, spiegandoci che “l’INPGI ha comunicato di aver inviato al Mise venerdì u.s. una prima tranche delle certificazioni di regolarità contributiva relative ai giornalisti in forza alle aziende. L’ente ha informato che una ulteriore tranche sarà trasmessa al Mise presumibilmente nella settimana corrente”.
I ritardi nell’erogazione delle misure di sostegno per le TV locali si accumulano come quelli di convogli nell’eventualità di un guasto ferroviario.
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Seguendo un trend ormai consolidato che vede l'integrazione delle piattaforme distributive dei contenuti radiofonici anche sui device tv (smart e DTT) in considerazione che la maggioranza degli utenti non dispone più di apparati riceventi FM casalinghi (sicché la fruizione domestica del medium può avere luogo solo attraverso tv, pc o smartphone), Radio Sportiva sbarca sul digitale televisivo terrestre.