Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
DTT pasticciato: a distanza di due mesi dallo switch-off RAI Tre non si vede in Emilia Romagna. La colpa è di attribuzioni frequenziali spannometriche
"Troppi disguidi, da quando e' avvenuto il passaggio al digitale terrestre, nella ricezione del segnale di Rai Tre regionale dell'Emilia Romagna. Si tratta di un servizio pubblico, e i nostri cittadini continuano a lamentarsi. Adesso e' indispensabile che l'azienda ponga fine a queste difficolta'".
Cosi' Marco Monari, presidente del Gruppo Pd in Regione Emilia Romagna, intervenendo ieri in assemblea legislativa, dove e' stata presentata una risoluzione dei democratici. "Non e' pensabile - ha proseguito Monari - che da Piacenza a Rimini ampie aree della nostra regione continuino a vedere il telegiornale del Veneto, quando non della Lombardia. Quella che doveva essere una miglioria sul piano tecnologico si sta trasformando in un handicap". "Chiedo quindi all'Azienda Rai di dare corso agli impegni presi in sede di confronto e di risolvere in tempi rapidi i problemi relativi alla ricezione dei programmi regionali di Rai Tre", ha concluso l'esponente del PD. In realtà la questione è più complessa di quanto sembri e sia stata rappresentata. Il pasticcio infatti discende da un peccato originale: l'attribuzione dei diritti d'uso per le frequenze DTT senza un necessario approfondimento tecnico. Nel caso di specie, per quanto riguarda l'area nord dell'Emilia, il canale 24 UHF è stato assentito per le postazioni di Pigazzano (Piacenza) e Monte Canate (Parma) alla concessionaria pubblica, mentre nelle aree assolutamente prossime (cioè le province di Cremona, Lodi, Brescia, Pavia) a due distinti soggetti privati. Sennonché, essendo i bacini interessati privi di protezione orografica, i rispettivi segnali si annientano su gran parte del territorio, col risultano che i programmi di tutti sono oscurati per incompatibilità elettromagnetica piena. Un problema che può essere risolto solo attraverso un accordo tra le parti (che ovviamente non può essere imposto) oppure con l'assegnazione di una risorsa alternativa alla RAI. Coi tempi immaginabili, per buona pace dei telespettatori. (A.M. per NL) 
09/02/2011 10:52
 

DTT, Emilia Romagna. RAI: canali 54 e 55 in attesa del 24

Per motivi tecnici, alla Rai e' stato concesso l'uso provvisorio di alcune  frequenze del dividendo digitale come il ch 54 e il ch 55. Nel giro dei prossimi mesi/un anno, gli impianti saranno obbligatoriamente  convertiti al ch 24. Agli antennisti e agli abitanti delle zone interessate e' stato comunicato  che ci sara' da fare il cambio di frequenza e che non facciano modifiche agli impianti che ne  possano impedire nel futuro il funzionamento con la nuova frequenza?

Elio

 

NL

NOTIZIE CORRELATE
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Seguendo un trend ormai consolidato che vede l'integrazione delle piattaforme distributive dei contenuti radiofonici anche sui device tv (smart e DTT) in considerazione che la maggioranza degli utenti non dispone più di apparati riceventi FM casalinghi (sicché la fruizione domestica del medium può avere luogo solo attraverso tv, pc o smartphone), Radio Sportiva sbarca sul digitale televisivo terrestre.
Sony approda sulla tv italiana free to air: è recente l’annuncio, infatti, del raggiungimento di un accordo con la TBS di Costantino Federico per la cessione degli lcn 45 e 55, qui quali probabilmente andranno Axn ed Axn Sci-Fi.
Secondo quanto riportato dal Sole24ore, Viacom Networks sarebbe intenzionata a riportare Mtv sul digitale terrestre. Il canale prescelto dovrebbe essere il numero 49, ora di proprietà del gruppo americano Scripps Networks, il quale intenderebbe spostare il proprio business sul LCN 33 (rilevato la scorsa estate dalla sfortunata Agon Channel).
Nessun cambio di orientamento della DGSCERP del Ministero dello Sviluppo Economico a riguardo dell’affitto di ramo d’azienda di un'autorizzazione di fornitura di servizi di media audiovisivi con annesso logical channel number (LCN).