Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
DTT: perché se i giudici amministrativi sospendessero l’attuazione del Piano delle frequenze ne beneficerebbe in primis Mediaset
Murdoch si prepara alla gara per la prossima assegnazione dei cinque multiplexer che costituiscono il dividendo digitale.
Sicuro di aggiudicarsi uno dei mux che il governo italiano ha dovuto recuperare per evitare pesantissime sanzioni dall'UE, la News Corporation ha fatto trapelare quali saranno i contenuti del bouquet (rigorosamente in chiaro per diversi anni, su prescrizione comunitaria): Cielo, cioè il programma ora veicolato dall’operatore di rete nazionale del Gruppo L’Espresso (Rete A), Cielo HD, Cielo 2, Cielo 2 HD e Sky Arte. Una programmazione che raccoglierebbe il meglio delle trasmissioni della piattaforma satellitare per l’Italia della News Corp., senza entrare in concorrenza con essa, cannibalizzando gli ascolti e compromettendo la crescita degli abbonati della pay tv (che nell’ultimo anno ha sofferto la presenza dell’offerta di Mediaset Premium). Anzi, come da noi ipotizzato, i prodotti in chiaro di Murdoch per il DTT fungerebbero da vetrina per l’offerta a pagamento satellitare, creando un circolo commerciale virtuoso in attesa dello spirare del termine pluriennale per luchettare anche i programmi terrestri, secondo la filosofia mondiale dello Squalo. Ma la gara non competitiva – il cosiddetto “beauty contest” - per l’assegnazione delle 5 frequenze nazionali, regolata da Agcom ma condotta dal MSE-Com (incredibilmente ancora affidato all’interinato del presidente del Consiglio), potrebbe essere compromessa dalla decisione dei giudici amministrativi (in prima istanza il TAR Lazio) ai quali si sono rivolte le emittenti locali chiedendo l'annullamento del PNAF, che ritengono leda i propri interessi legittimi a causa del mancato rispetto sostanziale della riserva di legge di 1/3 dei canali disponibili alle tv non nazionali. Per essere più chiari, gli editori locali sostengono che solo formalmente il PNAF sarebbe ossequioso della previsione normativa che destina ad essi il 33% delle frequenze disponibili, poiché, nella realtà dei fatti, i canali riservati agli operatori di rete locali sarebbero di qualità inferiore rispetto a quelli nazionali, coordinati a livello internazionale e quindi utilizzabili senza vincoli su tutto il territorio. E se i giudici aditi sospendessero in via cautelare l’efficacia della Delibera Agcom n. 300/10/Cons recante i criteri generali del Piano nazionale di assegnazione delle frequenze per il servizio di radiodiffusione televisiva terrestre in tecnica digitale, lo switch-off non potrebbe che avere luogo sulle frequenze ora esercite dalle emittenti attive (nazionali e locali), azzerando la possibilità di recuperare un dividendo da riassegnare ai nuovi entranti e quindi anche a Sky. E così, paradossalmente, chi trarrebbe maggior vantaggio dall’accoglimento del ricorso (sia pur nella sua fase cautelare) sarebbe Mediaset, che, assolutamente al riparo da ogni accusa di favoritismo governativo (la decisione l’avrebbe presa la magistratura), vedrebbe spostarsi nel tempo l’ingresso del temibile concorrente nel mercato del digitale terrestre, recuperando tempo prezioso per consolidare la propria presenza. Si potrebbe chiedere di più a meno? (M.L. per NL)
22/08/2010 19:59
 

Interessanti novità di fine estate...

Vorrei SegnalarVi che in questo scorcio di fine agosto Mediaset ha iniziato ad occupare una delle frequenze che dovrebbero essere assegnate col beauty contest. Il fatto è che lo sta facendo ora nelle zone in cui è già avvenuto lo switch off senza aspettare che tale procedura sia fatta. Insomma per dire se per Sky si deve ancora decidere se potrà parteciparvi e se si vedrà assegnata qualcosa... Mediaset chissà con quale titolo si è pure già scelta la frequenza
 
M
 
email giunta a redazione@newslinet.it

NL

NOTIZIE CORRELATE
Il Tar del Lazio (sent. n. 03747/2017) ha confermato la sanzione di 200.000 euro comminata da AgCom a Sky Italia con un provvedimento risalente al 2008.
A+E television networks, emittente televisiva via cavo e satellitare statunitense, è un brand sicuramente ancor poco conosciuto in Italia.
Lo scorso 15 Marzo, durante la Conferenza stampa di Radiomediaset, il Ceo Paolo Salvaderi ha illustrato i risultati operativi del gruppo, mentre Pier Silvio Berlusconi – alla conclusione dell’incontro con i giornalisti - ha offerto spunti collaterali sulle vicende Mediaset: il contenzioso con Vivendi, l’acquisto del logical channel number 20 (argomenti già approfonditi in precedenti articoli), l’intoppo nei rapporti col giornalista Giuseppe Cruciani e l’affare Ei towers-RaiWay.
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Si è svolta oggi nella hall del palazzo di Largo Donegani 1 la conferenza stampa di RadioMediaset in cui sono stati presentati i risultati ottenuti nell’ultimo anno di attività del polo che comprende le emittenti di proprietà Radio 105, Virgin Radio (entrambe ex Finelco), R101 e la partnership con Radio Monte Carlo (che rimane di proprietà della famiglia Hazan, precedente editore delle radio Finelco).