Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
DTT Persidera: 10 mln di utile nel 2015. Ma a breve potrebbe perdere Cairo

Persidera, società partecipata al 70% da Telecom Italia e al 30% dal Gruppo L’Espresso, ha portato a casa nel 2015 ricavi per 10 mln di euro. Ma a breve potrebbe perdere un cliente che vale il 7% della capacità trasmissiva totale.
Secondo quanto diffuso da ItaliaOggi, Persidera ha chiuso il 2015 con 10 milioni di utile, dei quali il 93% sono stati distribuiti agli azionisti sotto forma di dividendi. Evidentemente la gestione dei multiplex digitali continua ad essere decisamente redditizia. Nello specifico i mux controllati da Persidera sono il TIMB 1, TIMB 2, TIMB 3 (ex TIMB Telecom Italia), Rete A1 e Rete A2 (ex Rete A), e permettono di raggiungere il 95,85 della popolazione italiana. La società ha realizzato ricavi intorno agli 82 milioni di euro, con ebitda e ebit rispettivamente a 36,7 e 17,7mln. La capacità trasmissiva dei mux gestiti dal gruppo viene occupata per il 22% dai 7 canali televisivi di Discovery (Real Time, Focus, Dmax, Giallo, K2, Frisbee e Nove); per il 9% da Sky Italia con Sky Tg24, Cielo e Tv8; per il 7% dai canali di Urbano Cairo, La7 e La7d. Poi ancora i canali del gruppo Espresso, De Agostini, Viacom e altri network minori, arrivando ad una copertura totale del 88% sulla capacità totale. Dopo Gazzetta TV (3%), chiusa a gennaio 2016, Persidera perderà con tutta probabilità un altro cliente: infatti, a partire dal 1° gennaio 2017, Urbano Cairo metterà a regime il nuovo multiplex nazionale operativo attraverso i diritti d'uso acquisiti dallo Stato nella gara per il dividendo interno. (G.C. per NL)

18/05/2016 15:35
 
NOTIZIE CORRELATE
Cairo Editore ha registrato, nel 2016, una crescita del 7% (rispetto al 2015) in termini di raccolta pubblicitaria proveniente dalle testate del gruppo, per un totale di 27,6 mln di euro (nel 2015 sono stati invece 25,8 mln).
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Seguendo un trend ormai consolidato che vede l'integrazione delle piattaforme distributive dei contenuti radiofonici anche sui device tv (smart e DTT) in considerazione che la maggioranza degli utenti non dispone più di apparati riceventi FM casalinghi (sicché la fruizione domestica del medium può avere luogo solo attraverso tv, pc o smartphone), Radio Sportiva sbarca sul digitale televisivo terrestre.
Giovedì 9 marzo l’Antitrust si è espressa a favore della fusione Espresso-Itedi, imponendo però alcune condizioni da rispettare: il gruppo che edita Repubblica dovrà cedere a terzi il compito della raccolta pubblicitaria per le province di Genova e Torino, con il conseguente ritiro della concessionaria Manzoni (interna al gruppo Espresso) dalle due province.
L’Effetto Sanremo, ossia il picco di ascolti che Rai 1 registra durante il Festival, consegna al primo canale nazionale la cima della classifica dello share (17,61%) riferito alla prima serata di febbraio 2017 e al target “commerciale” di utenti tra i 15 e i 54 anni.