Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
DTT. Radio Sportiva sbarca sul DTT. Primo step: Lombardia

Seguendo un trend ormai consolidato che vede l'integrazione delle piattaforme distributive dei contenuti radiofonici anche sui device tv (smart e DTT) in considerazione che la maggioranza degli utenti non dispone più di apparati riceventi FM casalinghi (sicché la fruizione domestica del medium può avere luogo solo attraverso tv, pc o smartphone), Radio Sportiva sbarca sul digitale televisivo terrestre.
Per il momento la fruizione DTT riguarda (tutta) la Lombardia, anche se dal quartier generale di Sportiva a Ponsacco (Pi) fanno sapere che a breve potrebbero esserci sviluppi rilevanti in termini di diffusione. La veicolazione del contenuto audiovideo avverrà attraverso un primario network provider con un'autorizzazione per fornitura di servizi di media audiovisivi con annesso LCN (659) rilevata dall'operatore piemontese Sesta Rete. L'operazione è stata conclusa con il supporto della prima struttura italiana di competenze a più livelli in ambito mediatico Consultmedia (collegata a questo periodico), che ha assistito le società Priverno s.r.l., editrice dell’emittente Radio Sportiva, e Beacom s.r.l. (Grugliasco, Torino), titolare dell'operatore di rete e FSMA Sesta Rete. Advisor dell’operazione sono stati gli avvocati Massimo Lualdi e Stefano Cionini di MCL Avvocati Associati, law firm che gestisce in esclusiva l’Area Affari Legali di Consultmedia. (E.G. per NL)
 
Note informative su Consultmedia e MCL Avvocati Associati
 
MCL Avvocati Associati è una law firm italiana specializzata in diritto amministrativo e diritto commerciale applicati all’ambito delle telecomunicazioni e delle comunicazioni di massa (con particolare riferimento alla radiotelevisione, all’editoria online ed ai new media). Mutuata dall’esperienza del pool di legali di Consultmedia, prima struttura italiana di competenze a più livelli nell’ambito della consulenza radiotelevisiva, editoriale e delle tlc (di cui è fiduciaria), MCL coadiuva la propria clientela, ad oggi costituita da oltre 250 imprese italiane e diversi gruppi stranieri con interessi nel mercato italiano, nelle relazioni con il Ministero dello Sviluppo Economico, l’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, i Comitati regionali per le comunicazioni, l’Autorità garante della concorrenza e del mercato, il Garante per la protezione dei dati personali e la Pubblica Amministrazione in generale. MCL Avvocati Associati è contributore dell’informazione di matrice normativa e giurisprudenziale di Newslinet.it, il primo periodico telematico italiano di informazione giuridica, economica, politica e tecnica in ambito radiotelevisivo. Partner fondatori di MCL sono gli avvocati Mario Mossali, Stefano Cionini e Massimo Lualdi. La sede è a Legnano in Via Taramelli 11/c, tel. 0331/452183 – 0331/593377 www.lexmcl.it

15/03/2017 15:00
 
NOTIZIE CORRELATE
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Sony approda sulla tv italiana free to air: è recente l’annuncio, infatti, del raggiungimento di un accordo con la TBS di Costantino Federico per la cessione degli lcn 45 e 55, qui quali probabilmente andranno Axn ed Axn Sci-Fi.
Si è spento oggi, all’età di 78 anni, Leone Di Lernia, cantante e conduttore radiofonico, pugliese verace (originario di Trani) e di adozione milanese.
Lieto fine per la vertenza di Radio Sportiva. E' stato firmato oggi l'accordo con il quale si sottoscrive l'assunzione a tempo indeterminato di undici giornalisti.
Secondo quanto riportato dal Sole24ore, Viacom Networks sarebbe intenzionata a riportare Mtv sul digitale terrestre. Il canale prescelto dovrebbe essere il numero 49, ora di proprietà del gruppo americano Scripps Networks, il quale intenderebbe spostare il proprio business sul LCN 33 (rilevato la scorsa estate dalla sfortunata Agon Channel).