Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
DTT. Rebecchini (FRT): "necessario ritrovare la collaborazione con le Istituzioni per dare un futuro alle tv locali"
"Prendo atto della volontà del Sottosegretario alle comunicazioni Massimo Vari di voler riprendere la collaborazione tra il Ministero e le Associazioni, ciò è senz'altro potivo soprattutto se si considera che in questi ultimi anni le Istituzioni ce l'hanno messa tutta per complicare la vita alle tv locali.
E' quanto ha dichiarato il Presidente della FRT, Filippo Rebecchini (foto), intervenendo oggi all'incontro "Tv locali: a rischio pluralismo e libertà d'impresa" organizzato a Roma dall'Associazione Tv Locali FRT e da Aeranti-Corallo. Il presidente della FRT ha inoltre dichiarato "che il processo di digitalizzazione non è stato governato con razionalità". Infatti, in molte regioni sono stati rilasciati alle tv locali i diritti d'uso sui canali 61-69 che a distanza di pochi mesi verranno di fatto espropriati mediante la corresponsione di indennizzi, peraltro inadeguati, a carico dello Stato.  In molte regioni, poi, la pessima gestione della numerazione automatica dei canali (LCN) ha provocato gravi danni alle tv locali a causa dell'assegnazione tardiva delle posizioni sul telecomando avvenuta a distanza di oltre un anno dal passaggio alla tecnologia digitale. Ciò ha causato un crollo degli indici d'ascolto delle tv locali, non più facilmente visibili come in analogico, con conseguente perdita del valore di avviamento delle imprese. Per il Presidente della FRT "la proposta del Sottosegretario Vari di defiscalizzare gli indennizzi alle tv locali per il rilascio dei canali da parte delle stesse è una buona iniziativa, che però necessita di una modifica normativa per poterla rendere attuabile".
28/02/2012 16:28
 
NOTIZIE CORRELATE
Il Consiglio dei Ministri, riunitosi in data odierna, 24/03/2017, ha approvato, in esame preliminare, il nuovo Regolamento ai sensi della Legge 28/12/2015, n. 208 (legge di stabilità 2016) per la disciplina relativa ai contributi pubblici a sostegno delle emittenti televisive e radiofoniche locali.
Il Ministero dello Sviluppo Economico sta inviando  ai titolari delle autorizzazioni per la fornitura di servizi di media audiovisivi per la diffusione in tecnica digitale su frequenze televisive terrestri in ambito nazionale e locale un avviso con il quale ricorda che sono in scadenza le autorizzazioni rilasciate dal Ministero nel 2005 (ovviamente l’invio è progressivo e quindi riguarderà poi quelle rilasciate negli anni successivi).
Il lento convoglio delle misure di sostegno alle emittenti TV locali per il 2015 ha superato un’altra stazione. Lo fa sapere a questo periodico Confindustria Radio Televisioni, spiegandoci che “l’INPGI ha comunicato di aver inviato al Mise venerdì u.s. una prima tranche delle certificazioni di regolarità contributiva relative ai giornalisti in forza alle aziende. L’ente ha informato che una ulteriore tranche sarà trasmessa al Mise presumibilmente nella settimana corrente”.
Continua la pubblicazione da parte del Ministero dello Sviluppo Economico degli aggiornamenti alle graduatorie regionali relative ai fornitori di servizi di media audiovisivi, per il servizio televisivo digitale terrestre, oggetto dal Bando del 02/05/2016.
I ritardi nell’erogazione delle misure di sostegno per le TV locali si accumulano come quelli di convogli nell’eventualità di un guasto ferroviario.