Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
DTT: rischio slittamento a catena degli switch-off nel nord Italia. Veneto ed Emilia potrebbero migrare solo a dicembre e la Liguria addirittura nella tarda primavera 2011
Questa mattina è stata convocata la riunione del Comitato Nazionale Italia Digitale, presieduto dal viceministro allo Sviluppo Economico con delega alle Comunicazioni Paolo Romani (in odore di nomina a ministro).
Come da noi anticipato sabato scorso, si discuterà soprattutto della richiesta delle emittenti locali di prorogare lo switch-off nel nord Italia, con particolare riferimento all'Area Tecnica 3 (Lombardia e Piemonte orientale), in quanto: ancora non si conoscono le frequenze assegnabili agli operatori non nazionali (sono in corso i coordinamenti tecnici con gli stati confinanti); sul tappeto permangono i numerosissimi errori presenti nel database ministeriale degli impianti esistenti (circostanza che è una vera e propria bomba ad orologeria in termini di effetti giudiziari); il mese di agosto rende complessa la fornitura da parte delle aziende costruttrici degli apparati (che dovranno essere tarati su frequenze che si conosceranno solo all'ultimo minuto) e il regolamento Agcom sugli LCN è ancora qualcosa di astratto. Le emittenti locali, intanto, si preparano ad impugnare avanti ai giudici amministrativi il Piano Nazionale di Assegnazione delle Frequenze rivisto e corretto da Agcom, in quanto atto presupposto dei futuri provvedimenti di assegnazione delle frequenze che si teme scontenteranno i più. E se anche solo uno delle decine (forse centinaia) di ricorsi venisse accolto, la decisione dell'autorità di giustizia amministrativa inevitabilmente si rifletterebbe a cascata su tutti gli operatori (l'assegnazione delle frequenze è un gioco di birilli, come noto), mettendo a rischio l'intero processo. Meglio allora fermarsi e discuterne per tempo. Ovviamente i big player spingono per la conferma del calendario iniziale dello switch-off (anche perché, loro, le frequenze di destinazione già le conoscono), che dovrebbe iniziare (dall'AT3) il 15/09/2010 e sollecitano il MSE-Com perché "accontenti" le stazioni locali pur di rispettare le scadenze.  Viceversa, queste ultime non si fidano delle rassicurazioni dell'ultimo momento (vista anche la sorpresa del PNAF) e chiedono una proroga tra i 30 e 60 giorni, che però determinerebbe a cascata lo slittamento delle migrazioni nel Friuli, Veneto e in Emilia Romagna (regioni che, anziché dal 21/10 al 25/11, switcherebbero a tardo dicembre 2010 con sforamento nel gennaio successivo), ma soprattutto in Liguria, regione orograficamente complicata, per la quale qualcuno arriva a suggerire l'off analogico solo a maggio 2011 (il programma prevede ora il periodo 26/11/2010-20/12/2012). Ma si tratta solo di ipotesi di cui solo nei prossimi giorni si saprà qualcosa. (A.M. per NL) 
28/07/2010 09:24
 

Digitale: fatti più in là....

Se lo switch-off del nord italia dovesse slittare anche di un solo mese, chissà che rospone dovrà mandar giù Romani, che aveva proclamato a destra e a manca che lui il passaggio al digitale lo avrebbe anticipato rispetto al calendario governativo! Buon per lui che in Italia abbiamo la memoria corta.....
NOTIZIE CORRELATE
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Seguendo un trend ormai consolidato che vede l'integrazione delle piattaforme distributive dei contenuti radiofonici anche sui device tv (smart e DTT) in considerazione che la maggioranza degli utenti non dispone più di apparati riceventi FM casalinghi (sicché la fruizione domestica del medium può avere luogo solo attraverso tv, pc o smartphone), Radio Sportiva sbarca sul digitale televisivo terrestre.
Sony approda sulla tv italiana free to air: è recente l’annuncio, infatti, del raggiungimento di un accordo con la TBS di Costantino Federico per la cessione degli lcn 45 e 55, qui quali probabilmente andranno Axn ed Axn Sci-Fi.
Secondo quanto riportato dal Sole24ore, Viacom Networks sarebbe intenzionata a riportare Mtv sul digitale terrestre. Il canale prescelto dovrebbe essere il numero 49, ora di proprietà del gruppo americano Scripps Networks, il quale intenderebbe spostare il proprio business sul LCN 33 (rilevato la scorsa estate dalla sfortunata Agon Channel).
Nessun cambio di orientamento della DGSCERP del Ministero dello Sviluppo Economico a riguardo dell’affitto di ramo d’azienda di un'autorizzazione di fornitura di servizi di media audiovisivi con annesso logical channel number (LCN).