Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
DTT, Romani: mettiamo all'asta le frequenze non impegnate correttamente. Anche l'opposizione è d'accordo
Spesso accade, tra Governo e opposizione, che ci si ritrovi a dire le stesse cose ma a scontrarsi ugualmente, per il semplice motivo che non si sta ad ascoltare ciò che dice l'avversario.
E' ciò che pare stia succedendo anche a riguardo delle frequenze non impegnate pienamente dagli operatori di rete nelle aree già switchoffate. La questione non è una novità, né lo è la soluzione al problema prospettata, visto che ad essa avevamo dedicato un editoriale ai primi di maggio. “Le frequenze delle tv nazionali - ha detto il viceministro allo Sviluppo Economico con delega alle comunicazioni, Paolo Romani, intervenuto due settimane fa al Politecnico di Milano, al convegno sul tema Mobile Content & Internet - sono attualmente utilizzate solo per il 71% circa e quelle delle locali per il  54%”. Ragion per cui egli avrebbe intenzione di proporre un provvedimento normativo che imponga l'utilizzo effettivo sia delle frequenze assegnate nelle singole aree tecniche totalmente digitalizzate che dei multiplexer, pena la revoca delle assegnazioni. Il problema, in effetti, esiste: molte emittenti locali (e anche nazionali minori) destinatarie di frequenze SNF per l'intera area tecnica hanno attivato impianti solo per ridotte porzioni della stessa, oppure stanno veicolando sui multiplexer ridondanze editoriali se non addirittura hanno ridotto a singleplexer l'emissione, vanificando i benefici della tecnologia digitale. L'idea di Romani sarebbe quella di destinare, eventualmente, tali frequenze agli operatori di telecomunicazioni per la diffusione della banda larga. “La  base d'asta potrebbe essere di oltre un miliardo di euro - ha detto - e potremmo anche incassare circa 2,5 miliardi dai gestori di telecomunicazioni”. Nonostante il PD, però, attacchi il Governo sulla questione delle frequenze, sostanzialmente l'opposizione sostiene la stessa posizione. Gentiloni, ex ministro per le Comunicazioni dell'ultimo Governo Prodi, ha affermato infatti che l'accesso a internet e lo sviluppo dei nuovi media è “una questione strategica anche per la libertà d'informazione”, quindi “una risorsa per la democrazia”. Se n'è parlato, tra l'altro, venerdì scorso, alla Città del Gusto, a Roma, all'incontro “Non stop banda larga”, organizzato dal forum comunicazioni del PD, alla presenza di Alec Ross, il responsabile della comunicazione web di Barack Obama, di Renato Soru, Pierluigi Bersani e Corrado Calabrò. L'esempio da seguire, per quanto riguarda le frequenze, sarebbe quello della Germania che, mettendo all'asta le risorse rimaste inutilizzate nel passaggio dall'analogico al digitale, è riuscita a portare nelle casse dello Stato ben 4,4 miliardi di euro. È ciò ha dichiarato di voler fare anche Romani. Insomma, le emittenti locali e le nazionali minori sono avvertite: o investiranno per sfruttare al meglio le frequenze e i multiplexer, o dovranno riconsegnare le eccedenze radioelettriche. (G.M. per NL)
21/06/2010 14:58
 
NOTIZIE CORRELATE
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Seguendo un trend ormai consolidato che vede l'integrazione delle piattaforme distributive dei contenuti radiofonici anche sui device tv (smart e DTT) in considerazione che la maggioranza degli utenti non dispone più di apparati riceventi FM casalinghi (sicché la fruizione domestica del medium può avere luogo solo attraverso tv, pc o smartphone), Radio Sportiva sbarca sul digitale televisivo terrestre.
Sony approda sulla tv italiana free to air: è recente l’annuncio, infatti, del raggiungimento di un accordo con la TBS di Costantino Federico per la cessione degli lcn 45 e 55, qui quali probabilmente andranno Axn ed Axn Sci-Fi.
Secondo quanto riportato dal Sole24ore, Viacom Networks sarebbe intenzionata a riportare Mtv sul digitale terrestre. Il canale prescelto dovrebbe essere il numero 49, ora di proprietà del gruppo americano Scripps Networks, il quale intenderebbe spostare il proprio business sul LCN 33 (rilevato la scorsa estate dalla sfortunata Agon Channel).
Nessun cambio di orientamento della DGSCERP del Ministero dello Sviluppo Economico a riguardo dell’affitto di ramo d’azienda di un'autorizzazione di fornitura di servizi di media audiovisivi con annesso logical channel number (LCN).