Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
DTT, San Marino: il Titano "minaccia" la RAI?
Il sito San Marino Notizie riporta un articolo piuttosto interessante a riguardo dell'equilibrio radioelettrico DTT esistente a cavallo tra l'Emilia Romagna e le Marche.
Il pezzo riguarda i delicati rapporti politico-economici in essere tra Italia e la Repubblica di San Marino, che, per voce di Antonella Mularoni, Segretario di Stato per le Telecomunicazioni, preannuncia l’impietosa contromisura di San Marino qualora l’Italia interrompesse l’erogazione del contributo di 3 milioni di euro alla propria radiotelevisione. “La collaborazione che è in atto comporta la cessione di 3,5 delle nostre frequenze all’Italia: se tale collaborazione non dovesse continuare è chiaro che ci riprenderemo le nostre frequenze. E troveremo altri partner”, ha riferito la Mularoni. "Trascurando però di aggiungere che due di quelle frequenze (la 26 e la 30), “regalate” con l’accordo del 5 marzo 2008, sono già, con ragionevole certezza, in uso alla RAI addirittura dall’interno del territorio di San Marino, mentre la terza (la 7) lo è in parte, solo perché temporaneamente inservibile", aggiunge il periodico. "Ma quell’accordo – con il quale San Marino si impegnava “a non porre in esercizio parte delle attribuzioni sammarinesi registrate come ‘assignment’ nel Piano di Ginevra 2006, durante il periodo di vigenza”, cosicché “l’Amministrazione italiana le potrà utilizzare nel territorio limitrofo a quello di San Marino”- non è in vigore proprio perché l’Italia non lo ha mai ratificato". "Qual è allora la ragione, giuridica o politica, per cui quelle frequenze sono state comunque attivate da chi non avrebbe potuto farlo?", si chiede il giornale, che chiosa: "E, considerato che le agitiamo a mo’ di intimidazione, sono ancora nella nostra disponibilità oppure no? E se anche lo fossero, chi potrà garantire eventuali nuovi partner – ammesso che se ne trovino – sul fatto che esse siano in grado di illuminare un qualche bacino, visto che il territorio circostante è quello italiano?". (M.L. per NL)
13/01/2012 09:26
 
NOTIZIE CORRELATE
“Siamo delusi dall’intervento del Direttore Generale in Commissione Parlamentare di Vigilanza sul tema della Convezione di Servizio Pubblico. Ci saremmo aspettati un intervento con dati alla mano: entrate 2016, previsione entrate 2017 e 2018 e relativo progetto industriale”.
Intrattenimento in day time e talk show incentrati su casi di cronaca? Il direttore generare Rai Antonio Campo Dall’Orto potrebbe dire “Non parliamone più”, parafrasando il titolo della trasmissione di Rai Uno (Parliamone sabato) recentemente chiusa per le polemiche su uno dei suoi approfondimenti.
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Seguendo un trend ormai consolidato che vede l'integrazione delle piattaforme distributive dei contenuti radiofonici anche sui device tv (smart e DTT) in considerazione che la maggioranza degli utenti non dispone più di apparati riceventi FM casalinghi (sicché la fruizione domestica del medium può avere luogo solo attraverso tv, pc o smartphone), Radio Sportiva sbarca sul digitale televisivo terrestre.
“Il ministero dello Sviluppo Economico assegna alla concessionaria la capacità trasmissiva necessaria”: questo è quanto si legge, secondo Repubblica, all’articolo 7 della bozza di provvedimento in studio al Consiglio dei Ministri per la concessione del servizio pubblico alla RAI.