Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
DTT. Screen Service: aumento di capitale sociale di Tivuitalia SpA
Il network provider Tivuitalia aumenta il proprio capitale sociale a 38 milioni di Euro, mediante conversione dei finanziamenti di Screen.
Nel merito, la Screen Service Broadcasting Technologies S.p.A. ha comunicato "che è stata depositata presso la Camera di Commercio e presso il Registro delle Imprese la sottoscrizione della seconda tranche di aumento di capitale sociale della controllata Tivuitalia S.p.A., che ha consentito di portare il patrimonio netto della controllata a 38 milioni di Euro dagli attuali 20 milioni di Euro Come già nella precedente operazione comunicata al mercato in data 10 febbraio 2012, l’aumento è avvenuto grazie alla conversione di una quota dei finanziamenti, (inizialmente di circa 30 milioni di Euro), erogati da Screen Service a Tivuitalia. La destinazione di tali finanziamenti è stata la realizzazione e l’ampliamento della rete di diffusione del segnale televisivo in tecnica digitale terrestre, che ad oggi raggiunge il 70% degli italiani". (E.G. per NL)
 
31/03/2014 09:24
 
NOTIZIE CORRELATE
Screen Service Broadcasting Technologies (SSBT) è stata ceduta dal 1° aprile  alla società Screen Future, composta da importanti imprenditori italiani e con socio di riferimento il gruppo DB Digital Broadcast, già conosciuto e apprezzato a livello nazionale ed internazionale da oltre 40 anni.
Navigazione a vista per Screen Service Broadcasting Technologies in vista dell'udienza del 17 aprile avanti al Tribunale di Brescia per la decisione circa l’ammissibilità del concordato preventivo presentato dalla società lo scorso 31 gennaio.
Importanti aggiornamenti sulla collocazione sul mercato dei diritti d'uso dell'operatore di rete nazionale (?) Tivuitalia.
"Vendesi ramo aziendale di operatore di rete televisiva in tecnica digitale via etere terrestre (c.d. “Network Operator”) che, attraverso il proprio sistema di diffusione di segnali radiotelevisivi digitali interregionale multifrequenziale (c.d. “multiplex” o “MUX”), trasmette palinsesti di fornitori di servizi di media audiovisivi terzi in standard DVB-T".
Sono iniziate oggi 3 luglio le trasmissioni del nuovo canale televisivo nazionale per bambini Ka-Boom al logical channel number 139 del DTT.