Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
DTT. Se la gara per il dividendo interno ha floppato, cresce l'interesse degli investitori per il superplayer Telecom/L'Espresso
 
E' ufficiale: il fondo di investimenti Clessidra vuole comprare frequenze. Che siano in FM, attraverso le tattiche reti di Finelco (mediante l'acquisizione della partecipazione di RCS), o in tv, sul digitale terrestre, evidentemente poco importa.
Quel che è certo, è che il settore radiotelevisivo ha ricominciato ad attirare le attenzioni degli investitori. Certo, le cose sono molto cambiate dai tempi precrisi: in FM ora non si guarda agli asset tecnici (frequenze), ma alle aziende strategicamente interessanti, in quanto a capacità di attirare ascolti ed investimenti pubblicitari (la radio continua ad avere grandi possibilità, ancora non del tutto espresse); mentre in tv, viceversa, è - almeno sul piano nazionale - l'attività di network provider a prevalere su quella di fornitore di contenuti. A condizione, ovviamente, che le risorse radioelettriche in gioco siano qualitativamente valide e scevre da contenziosi giudiziari (e ciò spiega il flop dell'asta per il dividendo interno, cui ha partecipato - per ora senza impegno vincolante - solo Cairo Communication e sulla quale già grava l'alea del giudizio amministrativo). Nel merito, Claudio Sposito, numero uno di Clessidra - uno dei tanti fondi di private equity gonfi di denaro da immettere su mercati promettenti - ha confermato ieri le indiscrezioni che lo volevano interessare a valutare seriamente l'acquisizione del nuovo big player DTT nato dall'integrazione dei mux di Telecom Italia (3 bouquet di TIMB) e de L'espresso (2 bouquet di Rete A). "E' un tipo di attivita' che ci piace. Se ci sara' l'opportunita' saremo sicuramente interessati", ha spiegato a margine dell'Ipo di Anima Holding. Un processo formale di vendita delle frequenze tv TiMedia-Rete A e' atteso partire prima dell'estate appena siglato il closing dell'integrazione previsto entro il mese di giugno. I due gruppi italiani non avevano fatto mistero che la joint venture, evoluta in un'operazione societaria, era finalizzata a mettere sul mercato il nascente primo superplayer indipendente italiano, in aperta concorrenza con Mediaset e RAI. D'altra parte, entrambi i contraenti hanno dimostrato sino ad ora la propria inadeguatezza a valorizzare adeguatamente le potenzialità dei diritti d'uso nazionali assegnati ed è pertanto comprensibile la decisione di optare per l'uscita dal settore (all'insegna del principio commerciale dirimente dell'up or out). Resta ovviamente da vedere chi presumibilmente sta dietro a Clessidra in questa manifestazione d'interesse. (M.L. per NL)  
17/04/2014 06:35
 
NOTIZIE CORRELATE
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Seguendo un trend ormai consolidato che vede l'integrazione delle piattaforme distributive dei contenuti radiofonici anche sui device tv (smart e DTT) in considerazione che la maggioranza degli utenti non dispone più di apparati riceventi FM casalinghi (sicché la fruizione domestica del medium può avere luogo solo attraverso tv, pc o smartphone), Radio Sportiva sbarca sul digitale televisivo terrestre.
“Il ministero dello Sviluppo Economico assegna alla concessionaria la capacità trasmissiva necessaria”: questo è quanto si legge, secondo Repubblica, all’articolo 7 della bozza di provvedimento in studio al Consiglio dei Ministri per la concessione del servizio pubblico alla RAI.
Il Ministero dello Sviluppo Economico ha prorogato oggi di 7 giorni il termine per la presentazione delle istanze di partecipazione alla procedura di selezione comparativa per l’assegnazione di 86 frequenze asincrone in onde medie, originariamente collocato al 15/03/2017.
Sony approda sulla tv italiana free to air: è recente l’annuncio, infatti, del raggiungimento di un accordo con la TBS di Costantino Federico per la cessione degli lcn 45 e 55, qui quali probabilmente andranno Axn ed Axn Sci-Fi.