Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
DTT. Sky mostra i denti al Biscione: pronti a scendere a terra nel 2012. Super opportunità per i network provider locali?
Ci avevamo visto giusto nel nostro ultimo articolo. Non che, in verità, ci volesse molto. Mediaset e RAI hanno fatto arrabbiare lo Squalo, che ora sta mostrando i denti affilati. I big player terrestri vogliono competere sul sat? Bene, allora l'Australiano scende a terra. Magari alleandosi con le tv locali, di cui potrebbe divenire content provider HD. Questo il lancio dell'agenzia MF Dow Jones odierno: "Non so quali piattaforme useremo nel 2015. Certo il 31 dicembre 2011 scade il vincolo che ci impedisce di trasmettere via digitale terrestre, quindi dal 2012 potremo usare anche quel canale. Il dubbio riguarda la sua capacita' trasmissiva piuttosto limitata, soprattutto per trasmettere alta definizione. E noi sull'alta definizione puntiamo molto, tanto che in un anno prevediamo di raddoppiare i canali in HD".  Ad affermarlo al CorrierEconomia, supplemento economico settimanale del Corriere della Sera, e' il vice presidente di Sky Italia, Andrea Scrosati, il quale non esclude uno sviluppo anche sull'Iptv. "Sky Italia ha fatto una scelta diversa da quella della cugina BSkyB in Inghilterra: e' stata quella di offrire il proprio bouquet sulle tre Iptv nazionali, Telecom Italia, Fastweb e Wind. Lo sviluppo di questa piattaforma dipendera' da due fattori: il primo e' il gradimento del pubblico, il secondo e' l'effettiva ampiezza di banda che gli operatori metteranno in campo e la conseguente qualita' di trasmissione". Nemico avvisato, mezzo ammazzato.
25/05/2009 14:41
 

E' vero: Sky potrebbe essere la salvezza delle tv locali

Se non vengono spazzate via prima da quella farsa e falsa migrazione al digitale, le tv locali potrebbero trovare un valido alleato in Murdoch (che di contenuti ne ha da vendere, in tutti i sensi). Certo, non è che sia proprio l'ideale fare un patto con uno che è soprannominato lo Squalo, ma è sempre meglio che finire nello stomaco di un Biscione. E poi, almeno lo squalo non ha la lingua biforcuta... 
NOTIZIE CORRELATE
Il Tar del Lazio (sent. n. 03747/2017) ha confermato la sanzione di 200.000 euro comminata da AgCom a Sky Italia con un provvedimento risalente al 2008.
A+E television networks, emittente televisiva via cavo e satellitare statunitense, è un brand sicuramente ancor poco conosciuto in Italia.
Lo scorso 15 Marzo, durante la Conferenza stampa di Radiomediaset, il Ceo Paolo Salvaderi ha illustrato i risultati operativi del gruppo, mentre Pier Silvio Berlusconi – alla conclusione dell’incontro con i giornalisti - ha offerto spunti collaterali sulle vicende Mediaset: il contenzioso con Vivendi, l’acquisto del logical channel number 20 (argomenti già approfonditi in precedenti articoli), l’intoppo nei rapporti col giornalista Giuseppe Cruciani e l’affare Ei towers-RaiWay.
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Si è svolta oggi nella hall del palazzo di Largo Donegani 1 la conferenza stampa di RadioMediaset in cui sono stati presentati i risultati ottenuti nell’ultimo anno di attività del polo che comprende le emittenti di proprietà Radio 105, Virgin Radio (entrambe ex Finelco), R101 e la partnership con Radio Monte Carlo (che rimane di proprietà della famiglia Hazan, precedente editore delle radio Finelco).