Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
DTT. Stella (TIMB): La7 sarà terzo polo solo con una sistemazione organica del mercato
La nascita di un terzo polo televisivo si potrà avere solo quando “al mercato sarà data una sistemazione organica e definitiva”.
A sottolinearlo è stato l’amministratore delegato di Telecom Italia Media, Giovanni Stella, nel corso di un intervento a un convegno dedicato al mondo della tv. Secondo Stella la tv come ogni altra azienda “funziona solo se ci sono modelli di business che trovano l’accoglienza del cliente, risorse finanziarie e un mercato in cui la competizione permette di misurarsi in termini di efficienza, capacità creativa e pari condizioni per tutti. La stratificazione che si è costruita nel mercato televisivo fa sì che oggi non esistano le condizioni per poter operare”. Quanto a La7 Stella ha sottolineato che la tv del gruppo Telecom Italia Media “sta facendo altro”. Intanto l’ad ha sottolineato che da quando è arrivato alla guida del gruppo il suo obiettivo è stato quello di “ridimensionare le perdite possibilmente senza distruggere il mercato”. E in questo - ha spiegato Stella - La7 è stata aiutata anche da “una serie di circostanze favorevoli”. La7 infatti è sulla via del pareggio avendo ridotto nel triennio il fabbisogno di cassa da 130 milioni a 26 milioni. “L’obiettivo che abbiamo - ha aggiunto Stella - è di ‘illuminare’ sempre di più la giornata de La7″ nel senso che lo spettatore abbia l’impressione di guardare una televisione “diversa” non solo in alcuni momenti della giornata ma in più momenti”. Tornando poi a parlare del terzo polo televisivo, Stella ha spiegato che “è difficile immaginare la nascita di un terzo polo in un mercato in cui coesistono diversi modelli di business. Solo quando al mercato sarà data una sistemazione organica e definitiva si potrà avere la nascita di un terzo polo”. (TM News)
22/09/2011 07:25
 
NOTIZIE CORRELATE
Cairo Editore ha registrato, nel 2016, una crescita del 7% (rispetto al 2015) in termini di raccolta pubblicitaria proveniente dalle testate del gruppo, per un totale di 27,6 mln di euro (nel 2015 sono stati invece 25,8 mln).
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Seguendo un trend ormai consolidato che vede l'integrazione delle piattaforme distributive dei contenuti radiofonici anche sui device tv (smart e DTT) in considerazione che la maggioranza degli utenti non dispone più di apparati riceventi FM casalinghi (sicché la fruizione domestica del medium può avere luogo solo attraverso tv, pc o smartphone), Radio Sportiva sbarca sul digitale televisivo terrestre.
L’Effetto Sanremo, ossia il picco di ascolti che Rai 1 registra durante il Festival, consegna al primo canale nazionale la cima della classifica dello share (17,61%) riferito alla prima serata di febbraio 2017 e al target “commerciale” di utenti tra i 15 e i 54 anni.
Sony approda sulla tv italiana free to air: è recente l’annuncio, infatti, del raggiungimento di un accordo con la TBS di Costantino Federico per la cessione degli lcn 45 e 55, qui quali probabilmente andranno Axn ed Axn Sci-Fi.