Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
DTT, switch-off. Conferenza Regioni: prima che sia troppo tardi, si riveda delibera Agcom PNAF a tutela delle tv locali dell'adriatico
Le Regioni esprimono preoccupazioni sulla questione dell'assegnazione delle frequenze alle emittenti locali e sollecitano un confronto a livello politico tra governo e Agcom sull'uso effettivo dei canali.
Nel corso dell'ultima seduta della Conferenza delle Regioni i governatori, a questo proposito, hanno approvato un documento nel quale sottolineano che per le Regioni le emittenti locali ''rappresentano un importante patrimonio per la loro identità culturale ed economica, indispensabile per un sistema radiotelevisivo pluralistico e democratico. Pertanto è indispensabile garantire la loro sopravvivenza'' come del resto previsto dal Piano nazionale di assegnazione delle frequenze (PNAF). Quest'ultimo individua 25 reti televisive nazionali digitali terrestri e almeno 13 frequenze, in ciascuna area tecnica, per le emittenti locali. Ma mentre le frequenze destinate alle emittenti nazionali sono quelle assegnate, a livello internazionale, in via esclusiva all'Italia - quindi canali concretamente utilizzabili su tutto il bacino - l'utilizzo di quelle destinate alle emittenti locali - scrivono i governatori - ''non è garantito, in quanto tali frequenze sono da reperire tra quelle già assegnate, sempre a livello internazionale, agli Stati esteri affacciati sull'Adriatico, dunque a rischio di interferenze''. L'assegnazione alle sole emittenti nazionali delle frequenze che oltreconfine sono destinate all'uso esclusivo dell'Italia fa dunque fortemente preoccupare le Regioni e le televisioni locali, in quanto proprio queste ultime sono così a rischio di sopravvivenza. Inoltre, senza garanzie concrete di utilizzo dei canali a loro assegnati, le emittenti locali si troverebbero ad affrontare nuovi investimenti con il rischio di interferenze. Di qui l'idea di costituire un tavolo tecnico delle Regioni adriatiche e di quelle eventualmente interessate per affrontare in modo condiviso e coordinato la questione dell'assegnazione delle frequenze alle emittenti locali, e di chiedere un confronto immediato a livello politico tra Governo e Agcom per rivedere la delibera e assicurare garanzie alle emittenti locali sull'uso effettivo delle frequenze. (fonte ANSA)
30/09/2010 19:26
 
NOTIZIE CORRELATE
Il Consiglio dei Ministri, riunitosi in data odierna, 24/03/2017, ha approvato, in esame preliminare, il nuovo Regolamento ai sensi della Legge 28/12/2015, n. 208 (legge di stabilità 2016) per la disciplina relativa ai contributi pubblici a sostegno delle emittenti televisive e radiofoniche locali.
Agcom diffida Wind e Tre (recentemente fusesi in un’unica società) dal consentire agli utenti l’utilizzo di due servizi streaming di proprietà senza consumare il traffico dati previsto dal piano di abbonamento.
Il Ministero dello Sviluppo Economico sta inviando  ai titolari delle autorizzazioni per la fornitura di servizi di media audiovisivi per la diffusione in tecnica digitale su frequenze televisive terrestri in ambito nazionale e locale un avviso con il quale ricorda che sono in scadenza le autorizzazioni rilasciate dal Ministero nel 2005 (ovviamente l’invio è progressivo e quindi riguarderà poi quelle rilasciate negli anni successivi).
Il lento convoglio delle misure di sostegno alle emittenti TV locali per il 2015 ha superato un’altra stazione. Lo fa sapere a questo periodico Confindustria Radio Televisioni, spiegandoci che “l’INPGI ha comunicato di aver inviato al Mise venerdì u.s. una prima tranche delle certificazioni di regolarità contributiva relative ai giornalisti in forza alle aziende. L’ente ha informato che una ulteriore tranche sarà trasmessa al Mise presumibilmente nella settimana corrente”.
Continua la pubblicazione da parte del Ministero dello Sviluppo Economico degli aggiornamenti alle graduatorie regionali relative ai fornitori di servizi di media audiovisivi, per il servizio televisivo digitale terrestre, oggetto dal Bando del 02/05/2016.