Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
DTT, switch-off Sud Italia, area tecnica 14: le date della migrazione
Le emittenti televisive che operano nelle regioni Puglia, Basilicata e nelle province di Cosenza e Crotone dovranno iniziare lo spegnimento del segnale analogico, con la contestuale accensione di quello digitale, il 24 maggio per concludere le operazioni il 7 giugno prossimo.
Lo ricorda la Federazione Radio Televisioni (FRT), che sottolinea in una nota come dal 24 maggio migreranno alla trasmissione in tecnica digitale esclusiva tutti gli impianti situati nelle province di Bari e Barletta-Andria-Trani, territorio con oltre 1,6 milioni di abitanti. "Il 25 maggio - continua la FRT - sarà la volta dei 146 comuni delle province di Brindisi, Lecce e Taranto, con circa 1,8 milioni di abitanti. Dal punto di vista tecnico, alcune difficoltà si potrebbero riscontrare nei comuni montani delle province di Potenza e Cosenza per via delle particolarità orografiche legate alla conformità del territorio. Complessivamente il passaggio al digitale terrestre interesserà oltre 570 comuni e coinvolgerà circa 5,6 milioni di abitanti. Il Ministero dello sviluppo economico ha stanziato oltre 4,5 milioni di euro per la campagna di comunicazione.finalizzata ad informare la popolazione sugli switch-off". "La gestione delle risorse è stata affidata alla Fondazione Ugo Bordoni che ha approntato un piano di comunicazione che prevede la messa in onda di spot televisivi che saranno trasmessi dalle tv locali operanti nelle aree da digitalizzare - precisa la federazione -. La campagna di comunicazione prevede inoltre passaggi radiofonici, sulla stampa, l'affissioni di manifesti e la costituzione di call center gestiti dalle Poste Italiane. I fondi sono stati cosi ripartiti: Puglia 1,683 mln, Abruzzo 1,072 mln, Calabria 1,032 mln, Basilicata € 393 mila, Molise € 393 mila". (M.L. per NL)
18/04/2012 10:51
 
NOTIZIE CORRELATE
Potrebbe essere stato un clamoroso (quanto, in verità, atteso) buco nell'acqua la gara per l'assegnazione delle frequenze DTT del cosiddetto "dividendo interno", il cui termine è scaduto alle 24.00 di ieri.
Trattasi letteralmente di un colpo di scena sulla controversa vicenda della numerazione automatica dei canali del digitale terrestre (LCN): il Consiglio di Stato (con due speculari ordinanze rese il 10/04/2014) ha sospeso l'esecutività della propria sentenza n. 06021/2013, congelando i lavori del nominato Commissario ad acta.
La Santa Sede con severità ed impazienza ha nuovamente reclamato allo Stato italiano il rispetto dei patti del 2010.
Dinamismo massimo per la numerazione di Sky: a pochi giorni dalla completa riorganizzazione dell’area 100 (cioè la primaria, posta l'efficace gestione a tre cifre della numerazione automatica che, appunto, parte dal numero 100), il gruppo apre a canali forti del DTT free.
Nei primi tre mesi del 2014 gli ascolti della rete in chiaro si sono consolidati allo 0,9% di share medio sul target individui (dai 4 anni in su): basti pensare che nella fascia oraria 15-18, nel mese di gennaio, lo share è salito allo 0,89%, rispetto allo 0,64% dello stesso mese 2013.