Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
DTT, switch-off Sud Italia, area tecnica 14: le date della migrazione
Le emittenti televisive che operano nelle regioni Puglia, Basilicata e nelle province di Cosenza e Crotone dovranno iniziare lo spegnimento del segnale analogico, con la contestuale accensione di quello digitale, il 24 maggio per concludere le operazioni il 7 giugno prossimo.
Lo ricorda la Federazione Radio Televisioni (FRT), che sottolinea in una nota come dal 24 maggio migreranno alla trasmissione in tecnica digitale esclusiva tutti gli impianti situati nelle province di Bari e Barletta-Andria-Trani, territorio con oltre 1,6 milioni di abitanti. "Il 25 maggio - continua la FRT - sarà la volta dei 146 comuni delle province di Brindisi, Lecce e Taranto, con circa 1,8 milioni di abitanti. Dal punto di vista tecnico, alcune difficoltà si potrebbero riscontrare nei comuni montani delle province di Potenza e Cosenza per via delle particolarità orografiche legate alla conformità del territorio. Complessivamente il passaggio al digitale terrestre interesserà oltre 570 comuni e coinvolgerà circa 5,6 milioni di abitanti. Il Ministero dello sviluppo economico ha stanziato oltre 4,5 milioni di euro per la campagna di comunicazione.finalizzata ad informare la popolazione sugli switch-off". "La gestione delle risorse è stata affidata alla Fondazione Ugo Bordoni che ha approntato un piano di comunicazione che prevede la messa in onda di spot televisivi che saranno trasmessi dalle tv locali operanti nelle aree da digitalizzare - precisa la federazione -. La campagna di comunicazione prevede inoltre passaggi radiofonici, sulla stampa, l'affissioni di manifesti e la costituzione di call center gestiti dalle Poste Italiane. I fondi sono stati cosi ripartiti: Puglia 1,683 mln, Abruzzo 1,072 mln, Calabria 1,032 mln, Basilicata € 393 mila, Molise € 393 mila". (M.L. per NL)
18/04/2012 10:51
 
NOTIZIE CORRELATE
Dopo un buon 2015 e un ottimo mese di gennaio, l’a.d. di Discovery Italia parla dei progetti futuri: investimenti sulle fasce di età più giovani ma senza tralasciare un pubblico “più tradizionale”.
Tutti i paesi europei dovranno liberare le frequenze 700 MHz dalle trasmissioni tv entro il 2020 per implementare le connessioni a Internet in mobilità, ma l’Italia non è affatto pronta ad avviare il processo, né ha un piano definito per adeguarsi. Ma, probabilmente, sono proprio i timori relativi ai ritardi del nostro paese ad aver spinto l'UE ad imporre tempi più stretti.
Confermate tutte le indiscrezioni pubblicate da questo periodico nelle scorse settimane: verso la stabilizzazione delle assegnazioni LCN nazionali. Possibili variazioni in diminuzione delle attribuzioni locali.
Un direttiva europea impone agli stati membri di liberare le frequenze 694-790 MHz entro giugno 2020 per favorire la banda larga. Come conseguenza, si prospettano forti ripercussioni sul mercato televisivo e sull’affluenza di utenti verso lo streaming.
Secondo alcune indiscrezioni, pare che Mediaset sia interessata all’acquisto dell'autorizzazione associata al logical channel number 20 di Rete Capri per un progetto destinato ad un target adulto e probabilmente indirizzato ad arginare gli effetti della concorrenza Viacom in arrivo sul 27 a febbraio.