Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
DTT, terminato super switch-off nord Italia. Ora si attendono decisioni TAR Lazio di gennaio su ricorsi contro assegnazioni canali e LCN
Con il passaggio al digitale del Friuli Venezia Giulia, che si è concluso ieri mattina nell’intera provincia di Udine, il vecchio segnale tv è ormai diventato digitale per 22 milioni di abitanti, 3333 comuni e circa 7000 impianti di emittenti nazionali e locali.
Lo switch off nel nord Italia, cominciato lo scorso 25 ottobre con la ormai consueta e deleteria assegnazione delle frequenze agli operatori di rete all'ultimo minuto, ha coinvolto finora cinque regioni: Piemonte Orientale, Lombardia, Veneto, Emilia Romagna e Friuli Venezia Giulia. Da ieri, quindi, tutti i programmi delle emittenti nazionali e locali saranno trasmessi solo in tecnologia digitale e il loro segnale potrà essere ricevuto esclusivamente attraverso un decoder o un televisore con sintonizzatore digitale integrato. Come ha reso noto il Ministero dello Sviluppo Economico, "dallo scorso 25 ottobre, sono state circa 339.000 – su una popolazione interessata di 22 milioni di abitanti - le richieste di supporto pervenute al call center gratuito del MSE: se i 2/3 degli utenti ha richiesto informazioni sulla copertura del segnale, le restanti chiamate si sono concentrate sull’assistenza per la sintonizzazione di apparecchi e segnalazioni su singole emittenti". Numeri apparentemente bassi, se posti a confronto con le esperienze del Lazio; nondimeno, a Milano e nelle principali aree a forte urbanizzazione, gli antennisti segnalano la persistente presenza di enormi problemi soprattutto connessi a filtri nei centralini o al mutamento della direzione di irradiazione di molti canali. Gravi difficoltà sono poi segnalate nelle aree periferiche (soprattutto nelle cd. "valli laterali") dove lo spegnimento degli impianti analogici non è sempre stato seguito dalla riattivazione contestuale di quelli digitali, soprattutto da parte delle emittenti minori. Sempre secondo il dicastero guidato da Paolo Romani "L’implementazione dell’ordinamento automatico dei canali (LCN), avvenuta lo scorso 26 novembre, ha notevolmente aiutato il passaggio e semplificato le operazioni. Sono in corso di soluzione anche alcune circoscritte criticità verificatesi in determinate aree, le cui cause più frequenti sono imputabili agli impianti centralizzati, talvolta non ancora adeguati, ai decoder o ai televisori integrati con versioni software non aggiornate". La transizione al digitale ha già interessato la Sardegna (nel 2008), la Valle d’Aosta, il Piemonte Occidentale, il Trentito Alto Adige, il Lazio e la Campania (nel 2009), per un totale di circa 39 milioni di abitanti. La questione, tuttavia, non può ancora considerarsi conclusa, perché occorrerà attendere le decisioni dei giudici amministrativi che, a metà gennaio, si pronunceranno sui numerosi ricorsi presentati dagli operatori di rete locali contro assegnazioni di frequenze e identificatori LCN ritenute estremamente penalizzanti. Intanto, il ministero dello Sviluppo economico riunirà a breve il Comitato nazionale Italia Digitale per definire il calendario delle prossime tappe, anche in relazione alla recentissima indicazione di Agcom di anticipare lo switch-off nazionale per evitare un cortocircuito giuridico con le nuove norme introdotte dalla legge di Stabilità per la ridestinazione dei canali UHF 61-69 allo sviluppo della banda larga in mobilità. Ove infatti non si provvedesse prima della gara per l'attribuzione del dividendo esterno all'assegnazione dei diritti d'uso per le frequenze digitali in tutta Italia sorgerebbero problemi legali difficilmente superabili relativamente alle emittenti che occupano tali canali in aree non ancora oggetto di digitalizzazione integrale. (A.M. per NL)
16/12/2010 07:00
 

Aiuto: non vediamo più la Svizzera in Lombardia!

Spett.le Newslinet,  volevo informare che oggi ho visto su un palazzo a 8 piani sito nella zona sud di Cornaredo [Città posta a circa 15 Km a Nord Ovest di Milano] un impianto installato solo alcune settimane fa. In cima all'impianto c'è un'antenna DAT 75 in polarizzazione verticale puntata verso Castel San Pietro (CH 39V TSI). Il periodo transitorio in cui ci troviamo è il momento meno idoneo per decidere di installare o modificare un impianto per la ricezione dei canali TV Svizzeri. Attualmente nella zona interessata il canale 57 (dove prima dello svitch-off della Lombardia vedevamo TSI) è ora occupato da Rete Capri (da Valcava) e il canale 39 risulta assegnato a Telepace, che però al momento non sta utilizzando questa frequenza. Quando la situazione si sarà stabilizzata (entro breve si spera) si potrà decidere la migliore strategia per ricevere TSI in zona. Potete fare un articolo relativo alla ricezione della TSI in Lombardia? Vi sono molti utenti che dopo lo switch-over non la vedono più.
 
Grazie, cordiali saluti, MAX (MI)

 

NL

NOTIZIE CORRELATE
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Nei processi, siano essi civili, penali o amministrativi, è spesso richiesto l’intervento di parti terze rispetto ai litiganti, utili a coadiuvare i giudici in diverse fasi del giudizio, come nel caso del Commissario ad acta, un funzionario pubblico nominato dal giudice amministrativo nell'ambito del giudizio di ottemperanza a cui viene conferito il compito di emanare i provvedimenti che avrebbe dovuto emettere un ente, che però si è rivelato inadempiente.
Seguendo un trend ormai consolidato che vede l'integrazione delle piattaforme distributive dei contenuti radiofonici anche sui device tv (smart e DTT) in considerazione che la maggioranza degli utenti non dispone più di apparati riceventi FM casalinghi (sicché la fruizione domestica del medium può avere luogo solo attraverso tv, pc o smartphone), Radio Sportiva sbarca sul digitale televisivo terrestre.
Sony approda sulla tv italiana free to air: è recente l’annuncio, infatti, del raggiungimento di un accordo con la TBS di Costantino Federico per la cessione degli lcn 45 e 55, qui quali probabilmente andranno Axn ed Axn Sci-Fi.
Secondo quanto riportato dal Sole24ore, Viacom Networks sarebbe intenzionata a riportare Mtv sul digitale terrestre. Il canale prescelto dovrebbe essere il numero 49, ora di proprietà del gruppo americano Scripps Networks, il quale intenderebbe spostare il proprio business sul LCN 33 (rilevato la scorsa estate dalla sfortunata Agon Channel).