Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
DTT, tv locali: il CARTv invita il ministro allo Sviluppo Economico a "cambiare rotta"
Una lettera aperta è stata consegnata al Ministro dello Sviluppo Economico Corrado Passera dal Coordinamento Associazioni Radio Tv- CARTv, che riassume i punti critici che settore radio televisivo locale sta vivendo ed invita ad una drastica inversione di rotta.
"L'umiliazione che abbiamo subito dal passato governo in pieno conflitto d'interessi, non pare per nulla possa essere sanata dall'attuale direttivo che sembra perseguire la strada di lasciare senza frequenze molte tv locali", scrive nella propria nota l'ente esponenziale. "O il Ministro Passera ci invita al tavolo delle concertazioni e si accorda con una visione liberalista del settore, oppure, se vuole perseguire la scellerata politica dei suoi predecessori, continueremo la nostra legittima lotta nelle competenti sedi. Il Tribunale Amministrativo, su nostro ricorso, ha già smontato in mille pezzi la delibera sulla numerazione del telecomando promulgata dalla cosiddetta Autorità Garante delle Comunicazioni in concerto con il passato Governo - continua il CARTv - Seguono al TAR i ricorsi sulle due gare che privano le tv locali delle loro frequenze, a cui si aggiunge a ruota, quello alla Corte Costituzionale, per far dichiarare contro la carta, le leggi promulgate che ci riducono addirittura il diritto di difesa presso i Tribunali Amministrativi; norme indegne di un civile Stato democratico. Siamo ottimisti sul successo delle nostre iniziative giudiziarie, ma vogliamo ancora sperare che il governo Monti riconosca i nostri diritti e cambi la rotta segnata da chi li ha calpestati senza scrupolo per favorire i soliti noti. Nel frattempo, tutte le TV Locali sono invitate a partecipare all'evento "V° Forum Musica & Informazione", che sarà effettuato il 18 febbraio a Sanremo nel pomeriggio che precede la serata finale del Festival, il cui tema sarà: “Sistema Radiotelevisivo Italiano: Quale Sviluppo?”; invito esteso anche ai responsabili di tutte le associazioni di categoria. L'evento sarà trasmesso via satellite e disponibile alla ripetizione in contemporanea per le 500 emittenti locali a rischio di spegnimento delle frequenze e perdita di 4000 posti di lavoro", conclude la lettera del coordinamento associativo. (E.G. per NL)
02/02/2012 12:26
 
NOTIZIE CORRELATE
Il Consiglio dei Ministri, riunitosi in data odierna, 24/03/2017, ha approvato, in esame preliminare, il nuovo Regolamento ai sensi della Legge 28/12/2015, n. 208 (legge di stabilità 2016) per la disciplina relativa ai contributi pubblici a sostegno delle emittenti televisive e radiofoniche locali.
Il Ministero dello Sviluppo Economico sta inviando  ai titolari delle autorizzazioni per la fornitura di servizi di media audiovisivi per la diffusione in tecnica digitale su frequenze televisive terrestri in ambito nazionale e locale un avviso con il quale ricorda che sono in scadenza le autorizzazioni rilasciate dal Ministero nel 2005 (ovviamente l’invio è progressivo e quindi riguarderà poi quelle rilasciate negli anni successivi).
Il lento convoglio delle misure di sostegno alle emittenti TV locali per il 2015 ha superato un’altra stazione. Lo fa sapere a questo periodico Confindustria Radio Televisioni, spiegandoci che “l’INPGI ha comunicato di aver inviato al Mise venerdì u.s. una prima tranche delle certificazioni di regolarità contributiva relative ai giornalisti in forza alle aziende. L’ente ha informato che una ulteriore tranche sarà trasmessa al Mise presumibilmente nella settimana corrente”.
Continua la pubblicazione da parte del Ministero dello Sviluppo Economico degli aggiornamenti alle graduatorie regionali relative ai fornitori di servizi di media audiovisivi, per il servizio televisivo digitale terrestre, oggetto dal Bando del 02/05/2016.
I ritardi nell’erogazione delle misure di sostegno per le TV locali si accumulano come quelli di convogli nell’eventualità di un guasto ferroviario.