Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
DTT. Tv locali in Defcon 2. Ma per Romani tutto è sotto controllo
In futuro avremo tre piattaforme stabili: il satellite, il digitale terrestre e la tv su internet. Il Governo si sta attivando fortemente anche per la diffusione della banda larga. Finalmente ci sarà una concorrenza tra i contenuti e non tra le piattaforme”. E' sicuro il sottosegretario alle Comunicazioni del Ministero dello Sviluppo Economico Paolo Romani, quando parla di digitale (in tutte le direzioni) alla presentazione del Manuale di diritto dell’informazione e della comunicazione di Ruben Razzante organizzata dall’Isimm, l’Istituto per lo studio dell’Innovazione. “Il passaggio dall’analogico al digitale sta incontrando il favore dei protagonisti, finalmente si stabilisce la possibilità di un ingresso regolamentato di nuovi attori e l’ottimizzazione delle frequenze - ha aggiunto Romani - Eravamo preoccupati per lo switch-off della Sardegna, ma il passaggio è stato largamente positivo. La Valle d’Aosta non è ancora completata e ora il passaggio dall’analogico al digitale incomincia nel Piemonte occidentale, Torino e Cuneo (il 20 maggio, ndr) e su questo domani abbiamo un incontro con i broadcaster e l’Agcom, l’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni”, ha concluso. Beato lui, che ha tutte queste certezze. Le tv locali, invece, sono tranquille come le aragoste in prossimità della pentola con l'acqua bollente, considerato che, allo stato, nessuno dei nodi cruciali della migrazione tecnologica è ancora stato sciolto. Annodati rimangono ancora la faccenda dei numeri LCN e i criteri di assegnazione dei canali (come noto, in regioni come la Lombardia, passare dalla banda V alla banda III o IV o da un canale all'altro può rendere irricevibile una stazione per via del parco antenne riceventi e della presenza di filtri nei centralini condominiali), il cui combinato può determinare l'azzeramento dell'avviamento aziendale determinato dalla presintonizzazione sui telecomandi. Non solo, aggrovigliata permane anche la vicenda dei contributi per lo switch-over, senza i quali potranno solo migrare a quel paese baracca e burattini.
05/05/2009 16:07
 
NOTIZIE CORRELATE
Il Consiglio dei Ministri, riunitosi in data odierna, 24/03/2017, ha approvato, in esame preliminare, il nuovo Regolamento ai sensi della Legge 28/12/2015, n. 208 (legge di stabilità 2016) per la disciplina relativa ai contributi pubblici a sostegno delle emittenti televisive e radiofoniche locali.
Il Ministero dello Sviluppo Economico sta inviando  ai titolari delle autorizzazioni per la fornitura di servizi di media audiovisivi per la diffusione in tecnica digitale su frequenze televisive terrestri in ambito nazionale e locale un avviso con il quale ricorda che sono in scadenza le autorizzazioni rilasciate dal Ministero nel 2005 (ovviamente l’invio è progressivo e quindi riguarderà poi quelle rilasciate negli anni successivi).
Il lento convoglio delle misure di sostegno alle emittenti TV locali per il 2015 ha superato un’altra stazione. Lo fa sapere a questo periodico Confindustria Radio Televisioni, spiegandoci che “l’INPGI ha comunicato di aver inviato al Mise venerdì u.s. una prima tranche delle certificazioni di regolarità contributiva relative ai giornalisti in forza alle aziende. L’ente ha informato che una ulteriore tranche sarà trasmessa al Mise presumibilmente nella settimana corrente”.
Continua la pubblicazione da parte del Ministero dello Sviluppo Economico degli aggiornamenti alle graduatorie regionali relative ai fornitori di servizi di media audiovisivi, per il servizio televisivo digitale terrestre, oggetto dal Bando del 02/05/2016.
I ritardi nell’erogazione delle misure di sostegno per le TV locali si accumulano come quelli di convogli nell’eventualità di un guasto ferroviario.