Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
DTT, tv locali. Rettifica graduatoria di assegnazione delle frequenze regione Emilia Romagna
 
Della serie "non c'è pace per gli operatori tv locali italiani", ecco la nuova graduatoria delle assegnazioni DTT in Emilia Romagna (il documento è downloadabile in pdf cliccando qui).
Il Ministero dello Sviluppo Economico ha adottato il nuovo elenco a seguito dell’esame delle osservazioni pervenute da parte di alcuni operatori di rete della Regione Emilia Romagna nonché delle decisioni (cautelari o di merito) della Magistratura. Le variazioni alla graduatoria di assegnazione delle frequenze televisive della regione Emilia Romagna alterano nuovamente gli equilibri e saranno inevitabilmente oggetto di nuovi ricorsi che continueranno a rendere instabile l'assetto televisivo locale. E ciò tanto più che entro fine anno dovranno essere liberati i canali incompatibili con le emissioni estere, che in Emilia Romagna sono rilevanti. (M.L. per NL)
17/09/2014 07:12
 

DTT, tv locali: ma non esiste un limite?

Ma proprio non esiste un limite oltre il quale il Ministero non puo' andare? Possibile che a distanza di anni dall'assegnazione si debba ancora stare in pensiero per sapere se la propria azienda potrà continuare ad esistere o meno? Possibile che questi funzionari che evidentemente trattano la questione con estrema leggerezza debbano continuare a dirigere qualcosa in piu' del traffico in strada? E d'altra parte anche lì, non so se lo avete notato, se c'e' un vigile all'incrocio tutto si ingolfa di sicuro. Ma possibile che quasi tutti i personaggi messi in posizioni di rilievo dimostrino sempre che non ne capiscono un bel niente di quel che dovrebbero regolare? Sì. Possibile, anzi diventa molto strano il contrario.
—

sabato100

NOTIZIE CORRELATE
Il Consiglio dei Ministri, riunitosi in data odierna, 24/03/2017, ha approvato, in esame preliminare, il nuovo Regolamento ai sensi della Legge 28/12/2015, n. 208 (legge di stabilità 2016) per la disciplina relativa ai contributi pubblici a sostegno delle emittenti televisive e radiofoniche locali.
Il Ministero dello Sviluppo Economico sta inviando  ai titolari delle autorizzazioni per la fornitura di servizi di media audiovisivi per la diffusione in tecnica digitale su frequenze televisive terrestri in ambito nazionale e locale un avviso con il quale ricorda che sono in scadenza le autorizzazioni rilasciate dal Ministero nel 2005 (ovviamente l’invio è progressivo e quindi riguarderà poi quelle rilasciate negli anni successivi).
Il lento convoglio delle misure di sostegno alle emittenti TV locali per il 2015 ha superato un’altra stazione. Lo fa sapere a questo periodico Confindustria Radio Televisioni, spiegandoci che “l’INPGI ha comunicato di aver inviato al Mise venerdì u.s. una prima tranche delle certificazioni di regolarità contributiva relative ai giornalisti in forza alle aziende. L’ente ha informato che una ulteriore tranche sarà trasmessa al Mise presumibilmente nella settimana corrente”.
Continua la pubblicazione da parte del Ministero dello Sviluppo Economico degli aggiornamenti alle graduatorie regionali relative ai fornitori di servizi di media audiovisivi, per il servizio televisivo digitale terrestre, oggetto dal Bando del 02/05/2016.
I ritardi nell’erogazione delle misure di sostegno per le TV locali si accumulano come quelli di convogli nell’eventualità di un guasto ferroviario.