Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
DTT, Veneto: a rischio di chiusura Telechiara, la tv della chiesa
Entro l'anno potrebbe chiudere Telechiara, la storica emittente della Chiesa veneta. La stanno compromettendo la crisi e le difficoltà economiche dovute alla mancanza del finanziamento (circa 400mila euro l'anno) tagliato dai Vescovi della Conferenza Episcopale del Triveneto e da quello di investitori pubblicitari.
A rischio ci sono i posti di lavoro di circa una ventina tra giornalisti e tecnici occupati nell’emittente, anche se Guido Masnata, amministratore delegato dell'emittente, rassicura che per quanto riguarda il personale: "Nessuno verrà lasciato per strada, anche se nemmeno noi sappiamo i tempi tecnici della decisione. La proprietà aveva due opportunità: un piano di reinvestimento quinquennale che prevedesse il rilancio su una piattaforma più ampia oppure la chiusura. Questa televisione ha una storia ventennale alle spalle che sicuramente non andrà dissolta nel nulla, lavoreremo ancora per vedere ci sono margini di recupero è ancora troppo presto per fare allarmismi". In un comunicato la proprietà ha spiegato le ragioni della decisione: "E’ con dispiacere, e solo dopo un lungo esercizio di analisi e discernimento durato alcuni anni, che i Vescovi della Conferenza Episcopale Triveneto hanno constatato l’impossibilità di proseguire il sostegno alla ventennale esperienza di Telechiara. Come rappresentanti della proprietà, i Vescovi - insieme ai loro principali collaboratori - hanno accuratamente valutato l’attuale situazione e le prospettive dell’emittente in un contesto di ampie ed oggettive difficoltà che attraversano l’intero panorama editoriale nazionale. Venute meno alcune consistenti forme di contributo, che ne avevano sin qui garantito la sopravvivenza, si sarebbe ora reso necessario un notevole investimento quinquennale - dell’ordine di oltre un milione di euro all’anno - totalmente a carico delle singole Diocesi del Triveneto che, con quote diverse, costituiscono la proprietà di Telechiara. Pur nella consapevolezza del valore attuale e del carattere decisivo dei media e nell’impegno di trovare e sviluppare insieme altre vie di comunicazione anche attraverso le nuove tecnologie, in questi tempi di crisi non è parso più sostenibile un così ingente investimento. I Vescovi presenti all’ultima riunione della Cet, all’unanimità, sono perciò giunti con rammarico alla decisione di non poter gravare le loro Diocesi di tale onere finanziario. La decisione è stata presa nei tempi richiesti dal Consiglio di Amministrazione dell’emittente che aveva la necessità e l’urgenza di conoscere, al più presto, la posizione della proprietà. I Vescovi e le Diocesi del Triveneto ringraziano quanti, nei vari anni, hanno contribuito a quest’esperienza televisiva e confidano che si trovi presto un’adeguata soluzione professionale per il personale attualmente impegnato in Telechiara". L'Ordine dei giornalisti ed il Sindacato di categoria (dei giornalisti) del Veneto hanno diramato due comunicati: "Il Consiglio regionale dell’Ordine dei giornalisti del Veneto ha appreso con viva preoccupazione la notizia che i vescovi del Triveneto ritengono non più sostenibile il sostegno finanziario con il quale hanno finora garantito l’attività dell’emittente televisiva Telechiara. La chiusura di Telechiara, dopo vent’anni, priverebbe il mondo dell’informazione (e non soltanto quello veneto) di una voce autorevole e apprezzata da un largo pubblico incidendo anche sul pluralismo dell’informazione nel Nordest, e comporterebbe la perdita del posto di lavoro per una ventina di dipendenti tra giornalisti e tecnici in un momento di diffusa e grave crisi occupazionale del settore nella nostra regione. Il Consiglio dell’Ordine del Veneto, nell’esprimere totale solidarietà ai colleghi, auspica che non soltanto il mondo cattolico, del quale Telechiara è voce importante, ma anche le istituzioni pubbliche, il mondo imprenditoriale, la società civile possano trovare le più adeguate modalità finanziarie per garantire la sopravvivenza di Telechiara, assicurando il costante e attivo interessamento del Consiglio dell’Ordine". L'altro ente esponenziale ha invece così commentato la vicenda: "Il Sindacato giornalisti del Veneto ha appreso, con modalità del tutto anomale rispetto alle normali procedure e relazioni sindacali, la decisione dei vescovi della Conferenza episcopale del Triveneto di tagliare il finanziamento di Telechiara. Il Sindacato sta seguendo l’evoluzione della crisi dell’emittente e chiede al più presto l’apertura di un tavolo di confronto con l’azienda che non ha ancora avviato le normali procedure di una situazione di crisi. Oltre alla cruda informazione del comunicato dei vescovi preoccupa la mancanza di un piano che permetta di capire l’evolversi della situazione ed esprime solidarietà ai colleghi e a tutti i dipendenti che vivono questa situazione di incertezza sul loro futuro". (R.R. per NL)
04/06/2012 07:08
 
NOTIZIE CORRELATE
Il Consiglio dei Ministri, riunitosi in data odierna, 24/03/2017, ha approvato, in esame preliminare, il nuovo Regolamento ai sensi della Legge 28/12/2015, n. 208 (legge di stabilità 2016) per la disciplina relativa ai contributi pubblici a sostegno delle emittenti televisive e radiofoniche locali.
Il Ministero dello Sviluppo Economico sta inviando  ai titolari delle autorizzazioni per la fornitura di servizi di media audiovisivi per la diffusione in tecnica digitale su frequenze televisive terrestri in ambito nazionale e locale un avviso con il quale ricorda che sono in scadenza le autorizzazioni rilasciate dal Ministero nel 2005 (ovviamente l’invio è progressivo e quindi riguarderà poi quelle rilasciate negli anni successivi).
Il lento convoglio delle misure di sostegno alle emittenti TV locali per il 2015 ha superato un’altra stazione. Lo fa sapere a questo periodico Confindustria Radio Televisioni, spiegandoci che “l’INPGI ha comunicato di aver inviato al Mise venerdì u.s. una prima tranche delle certificazioni di regolarità contributiva relative ai giornalisti in forza alle aziende. L’ente ha informato che una ulteriore tranche sarà trasmessa al Mise presumibilmente nella settimana corrente”.
Continua la pubblicazione da parte del Ministero dello Sviluppo Economico degli aggiornamenti alle graduatorie regionali relative ai fornitori di servizi di media audiovisivi, per il servizio televisivo digitale terrestre, oggetto dal Bando del 02/05/2016.
I ritardi nell’erogazione delle misure di sostegno per le TV locali si accumulano come quelli di convogli nell’eventualità di un guasto ferroviario.