Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
E' morta Laura Mambelli, volto del Tg1. Si è spenta dopo una breve malattia
E' morta la conduttrice del Tg1, Laura Mambelli. La giornalista si è spenta a 50 anni nel giorno del suo compleanno, dopo una breve malattia.
Ha iniziato la sua carriera a 'Paese sera', poi è passata al 'Corriere della Sera' ed infine al Tg1 dove ha lavorato prima negli speciali e in cronaca, poi nella conduzione. Come inviata ha seguito la vicenda di Giuliana Sgrena, il terremoto di San Giuliano di Puglia e l'alluvione di Messina. Suo il servizio con il video choc trasmesso in esclusiva dal Tg1 che testimoniava i maltrattamenti delle due maestre all'asilo nido 'Cip e Ciop' di Pistoia. Mambelli ha anche lavorato per due anni ad Annozero. ''Grande tristezza per la prematura scomparsa di Laura Mambelli, collega che ha interpretato l'impegno nel servizio pubblico raccontandoci con garbo e semplicità tanti fatti di cronaca'' ha espresso l'Usigrai in una nota. ''Un volto pulito, capace di esprimere candore anche ponendo domande impegnative - si legge nella nota - oltre che alla famiglia la solidarietà dell'Usigrai va proprio ai colleghi della testata ammiraglia, che hanno avuto Laura come quotidiana stimata compagna di viaggio''. (Adnkronos)
22/01/2011 17:20
 
NOTIZIE CORRELATE
“Siamo delusi dall’intervento del Direttore Generale in Commissione Parlamentare di Vigilanza sul tema della Convezione di Servizio Pubblico. Ci saremmo aspettati un intervento con dati alla mano: entrate 2016, previsione entrate 2017 e 2018 e relativo progetto industriale”.
Intrattenimento in day time e talk show incentrati su casi di cronaca? Il direttore generare Rai Antonio Campo Dall’Orto potrebbe dire “Non parliamone più”, parafrasando il titolo della trasmissione di Rai Uno (Parliamone sabato) recentemente chiusa per le polemiche su uno dei suoi approfondimenti.
Lo scorso 17 marzo il consiglio dei Ministri ha approvato in via preliminare il decreto legislativo “che prevede disposizioni per l’incremento dei requisiti e la ridefinizione dei criteri per l’accesso ai trattamenti di pensione di vecchiaia anticipata dei giornalisti e per il riconoscimento degli stati di crisi delle imprese editrici, in attuazione della legge 26 ottobre 2016, n. 198” (Comunicato stampa ufficiale del Consiglio dei Ministri).
La “ricongiunzione” consente – a chi ha versato contributi in gestioni previdenziali diverse – di accentrare tutti i periodi assicurativi presso un unico ente, al fine di ottenere un’unica pensione. Le contribuzioni sono materialmente trasferite da ente ad ente.
“Il ministero dello Sviluppo Economico assegna alla concessionaria la capacità trasmissiva necessaria”: questo è quanto si legge, secondo Repubblica, all’articolo 7 della bozza di provvedimento in studio al Consiglio dei Ministri per la concessione del servizio pubblico alla RAI.